Lee Clow, si ritira il direttore delle campagne Apple "1984" e "Think Diffferent"

14 Febbraio 2019 18

Si ritira a 73 anni Lee Clow, il celebre fondatore dell'agenzia pubblicitaria TBWA e responsabile di alcune tra le più iconiche campagne mediatiche di Apple.

TBWA è stato il principale partner pubblicitario dell'azienda di Cupertino, tra le campagne più note non possiamo non citare lo spot "1984" e la campagna pubblicitaria "Think different", caratterizzata da uno slogan d'impatto accompagnato da foto di personaggi celebri quali Albert Einstein, Maria Callas, Gandhi e molti altri, ma anche a messaggi politici piuttosto espliciti, come nel caso del manifestante che durante la guerra del Vietnam metteva i fiori nelle canne dei fucili.

Lee Clow è arrivato all'età di 73 anni ma continuerà in un ruolo consultivo quale presidente emerito della società, partecipando a progetti sociali. Al di là della partnership con Apple, Lee Clow è responsabile di altre creazioni come il coniglietto dell'Energizer, ideato da Disk Sittig sotto la sua direzione creativa, e molte collaborazioni con Nike, Tamaha, Nissan, Pepsi, ecc. Negli ultimi anni Apple ha preso le distanze dal classico stile di Clow, allontanandosi dai messaggi socio-politici e puntando maggiormente sull'idealizzazione dei suoi prodotti.

Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da Clicksmart a 289 euro oppure da Yeppon a 335 euro.

18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
SLM

Mai fidarsi di chi vende.
Comunque, bravo nel suo mestiere!

SLM

"Rowdy Hot Rod Piper!" (detto con la voce di Dan Peterson...)
Bel film....se si capisce.

John23
asdadad
fabbro

talento??dove lo vedi il talento negli spot odierni??la spot di 1984 era un capolavoro, anche se visto oggi è molto ironico.Si faceva passare un messaggio al di la del prodotto, oggi la maggior parte degli spot sono immagini senza senso dei prodotti con testi autoincensanti.

Ikaro

Mah, come ti hanno detto oggi si tende a diversificare la forma, sia perché è stato tutto già visto, sia per i soldi che si possono mettere in campo, ma il fine ultimo è molto più banale di prima "compra compra compra" e spesso non è neanche molto celato... Le campagne dell'articolo se le sognano, forse giusto nel guerilla mktg trovi qualcosa...

Tributo a "they live" di carpenter se non sbaglio

Jezuuz

FFF

Bastian Contrario

Il contenuto delle pubblicità di quegli anni può essere riassunto in "Prodotto vv buono pls compra prodotto buono".

Oggi abbiamo un livello di sofisticazione senza pari, talmente abituati ed assuefatti ai tradizionali metodi di marketing.

comatrix

https://uploads.disquscdn.c...

fabrynet

Si è alzato il livello qualitativo della firma non del contenuto, della sostanza. D'altronde rispecchia la nostra società e i nostri tempi.

Bastian Contrario

Non lo so. Oggi gli standard si sono alzati parecchio rispetto agli anni '80, ed anche il talento medio.

L'ad Apple in notizia era geniale, ma era un'eccezione. Il livello medio dell'industria era mediocre per dire di peggio.

Fare una pubblicità televisiva neglinanni '80 era "facile". Hai 30 secondi e nessuno te li tocca. Quello che e difficile è fare pubblicità nell'era di internet e di Youtube, catturare l'attenzione in 3...2...1... perché oltre l'utente preme Skip e ciao ciao.

Super Rich Vintage

Invece oggi ci tocca questa campagna pubblicitaria...
https://uploads.disquscdn.c...

fabrynet

Vedo solo tanti soldi e poco talento.

Bastian Contrario

Io invece credo che oggi viviamo nell'epoca d'oro delle pubblicità. 30 anni non avrei mai visto un Martin Scorsese dirigere un corto di 20 minuti per, chessò, Fly Emirates. O un outsider come Spike Jonze dirigere uno spot per HomePod.

Moveon0783 (rhak)

Geniale. Un modo intelligente di fare marketing che ha fatto epoca.
Pensare che ci sono state epoche in cui persino le pubblicità erano belle, quelle di adesso ti fanno venir voglia di boicottare il prodotto.

fabrynet

Leggendarie.

Antares
Felk

"Diffferent" con tre "f" perché così è diverso.

Recensione Apple iPad Pro 12.9 (2018): può essere il tuo computer?

Apple iPhone XR: recensione e confronto con iPhone X ed iPhone XS Max

MacBook Air risorge: è tutto nuovo e con Retina Display da 13,3" | Prezzi Italia

Apple iPad Pro 11" e 12,9" ufficiali: A12X Bionic, Face ID, USB-C e Pencil 2