Apple News: basse royalties per la versione premium, giornali e riviste protestano

13 Febbraio 2019 95

Apple si prepara a lanciare una versione in abbonamento del suo servizio Apple News, con la quale gli utenti potranno accedere - a fronte di un canone mensile di circa 10 dollari - a tutti i contenuti editoriali di giornali e riviste che sceglieranno di aderire al servizio. In molti hanno l'hanno già rinominato il Netflix delle news e la presentazione dovrebbe avvenire in occasione del vociferato evento del 25 marzo, ma sembra che il lancio potrebbe essere offuscato da un problema molto grave: il malcontento di giornali e riviste nei confronti delle condizioni poste da Apple.

La notizia è emersa in seguito ad un report del The Wall Street Journal, il quale evidenzia l'esistenza di due aspetti critici che hanno portato molte testate a non accettare gli accordi offerti dalla casa di Cupertino e a spingere per nuove trattative. Tra questi vi sarebbero nomi come lo stesso WSJ, il The New York Times e il The Washington Post.

La principale fonte di malcontento riguarda il sistema di monetizzazione: Apple intende trattenere per sé il 50% dei ricavi generati dall'abbonamento mensile, mentre la restante metà verrà messa all'interno di un fondo che sarà utilizzato per pagare i publisher in proporzione al tempo trascorso dagli utenti sui loro articoli. Questo significa un alto livello di incertezza per gli editori - i quali potrebbero essere ricompensati con cifre ben al di sotto di quanto stimato - e una sostanziale guerra per ottenere maggiori tempi di visualizzazione delle proprie notizie.

Il secondo punto critico riguarda la scelta di Apple di non condividere i dati personali dei clienti con i publisher. Questi richiedono di avere accesso a informazioni come il numero della carta di credito e l'indirizzo email, in modo da poter creare dei database attraverso i quali proporre gli altri prodotti commerciali del gruppo editoriale.

Il WSJ ci tiene a precisare che al momento le discussioni sono ancora in corso e che gli ultimi incontri sono risultati produttivi. In ogni caso si prospetta la possibilità che il nuovo servizio in abbonamento di Apple possa non contare su alcuni nomi fondamentali per smuovere la massa critica di clienti; a questo punto nulla è ancora definitivo e scopriremo l'esito delle contrattazioni solo in fase di annuncio.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 419 euro oppure da Coop Online a 499 euro.

95

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

Itachi

"la scelta di Apple di non condividere i dati personali dei clienti con i publisher. Questi richiedono di avere accesso a informazioni come il numero della carta di credito e l'indirizzo email, in modo da poter creare dei database attraverso i quali proporre gli altri prodotti commerciali del gruppo editoriale."

Già solo per questo mi sento di dar ragione a Apple stavolta.

Itachi

Credo ti sfugga il piccolo dettaglio che lo "sbattersi a produrre l'hardware" è un dettaglio necessario visto che i servizi vengono usufruiti da li.

Se domani smettessero di produrre hardware tempo un paio d'anni e i servizi se li guaderanno da soli visto che non ci saranno più utenti.

Bastian Contrario
CAIO MARIOZ

Esatto, come le altre multinazionali dell’High Tech

Mario&Luigi

Le tue ? Eh si proprio così ...

Tony

su 100 euro che guadagni ne vanno piu del 50 allo stato! percaso sei un evasore totale?

alex

Quante idiozie in un unico commento...

Johnny Il_Camminatore

Quando parlavano di servizi non avevo inteso avebbero voluto fare il servizio a qualcuno

Luca Lindholm

QUALI tasse allo Stato?

Tony

50% ad apple del restante un altro 50% va in tasse allo stato, e chi lavora veramente come al solito le briciole

Tony

il problema che non ti vergogni nemmeno di quello che affermi mi fà credere che non ci credi nemmeno tu a quello che scrivi

Venom®
Odio_Everyeye!

Un po' di comunismo nella vita di ciascuno non ha mai fatto male

antonio
Bastian Contrario

Ecco perché vogliono diventare un'azienda di servizi... Perché sbattersi a produrre hardware col 37% di margine quando puoi fare il 50-60% senza fare un ca--o?

Bastian Contrario
... se ci sono comunque giornali interessati, fatti loro.

IMO fare un srrvizse senza i big (NY Times, New Yorker, Washington Post etc etc) è totalmente inutile, come aprire un'edicola e non vendere La Repubblica o Il Corriere.

Odio_Everyeye!

Ma è un commento mio, e non c'è il caso di inalberarsi. Mi stai anche simpatico

Lolloso

si si come no

antonio

Hai mai pensato di fare un commento tutto tuo? Così vedi se hai dei supporter dalla tua parte?

Mario&Luigi

Ahahahahahah Callea, sei uno spasso ;D ahahahahah

Mario&Luigi

Scusa, secondo le ultime stime il 40% è magia il resto è un minimo guadagno “collaterale” (cit) per Apple ;D

Mario&Luigi

Eh caro mio utonto ma se in Italia ci lamentiamo (giustamente) che lo stato ti prende una percentuale sul tuo stipendio perché è troppo alta, le testate giornalistiche che si vedono intascare il 50% da una società che non fa il loro lavoro che dovrebbe dire ? Festeggiare immagino sia il tuo pensiero ahahahahahah ;D
Ladri sono e ladri restano, rubano le tasse dagli stati, cercano di incrementare i guadagni con prezzi hardware folli e improponibili e ora puntano anche al settore dei giorni cercando di metterli ai loro piedi e alle loro condizioni. Il lupo perde il pelo ma non il vizio

Mario&Luigi

Giusto, ottima osservazione

sailand
Odio_Everyeye!

Sarebbe una azienda di STATO.

Odio_Everyeye!

È vero scusa

mago otelma spotted https://uploads.disquscdn.c...

sailand

Come avevo predetto non vogliono svendere i loro contenuti.
Pensando al mercato italiano con problemi di lingua, di minori contenuti e di crisi economica dei giornali, vedo molte più difficoltà.
Ipotizzo che il servizio premium non sarà attivo in certi paesi o che in questi paesi avrà scarso successo.

Zeronegativo

eh già, la magia costa sempre più cara ultimamente.

Bastia Javi

Ti sbagli, il 50% è di eppol, il restante 50% è sempre di eppol che decide quanto ti tocca da quella "fetta".

WiL

In ogni caso nessuno li costringe ad aderire.
Se ritengono che la loro assenza possa spingere Apple ha ripensarci, bene, magari riusciranno protestando a cambiare le condizioni, se invece la Apple se ne fregherà e il servizio risulterà un successo saranno loro a perderci o comunque saranno costretti ad accettare mesi dopo il lancio per non rimanere indietro rispetto alla concorrenza.

Una cosa che più odio dei giornali è proprio questa prepotenza e desiderio di avere visibilità gratuita, hanno già fatto morire Google Notizie in Spagna per questo motivo, hanno cercato di far passare l'articolo 11 della riforma copyright, e adesso si lamentano se un nuovo servizio (facoltativo) non nasce solo per far guadagnare loro.

Il 50% sarà tanto, ma se Apple se lo può permettere e ci sono comunque giornali interessati, fatti loro.

Dark!tetto

Come perdere le maggiori testate giornalistiche in una mossa, sicuramente il bacino d'utenza Apple è enorme, ma non tutti hanno bisogno di visibilità a fronte di un 50% che è da suddividere. Io NYT non aderirei mai a queste condizioni, pagare i publisher in proporzione al tempo trascorso dagli utenti sui loro articoli ahahaha

ghost

Considera che il 20% dei guadagni viene reinvestito in magia quindi a Apple resta il 30%

ghost

Considera che il 20% dei guadagni viene reinvestito in magia

ghost

Ti stai dimenticando di una cosa, l'Onnipotente l'ha creato Apple 3 giorni prima che venisse creato l'universo

ghost

Se ci fosse il comunismo Apple non esisterebbe proprio

ghost

Adesso la visibilità gratuita di google non sembra più così malvagia xD

Lughi

Senza dimenticare che l'editore del WP è Bezos...

boosook

Avete voluto segare le gambe a Google (almeno in Europa) che vi dava visibilità gratis, e ora vi beccate Apple.

Mew

Il 50% mi sembra davvero eccessivo.

antonio

Daje...

Nalin

Si certo ma non basta avere soldi, altrimenti le multinazionali tipo Apple, Ms, Google, ecc... avrebbero già aperto ogni attività possibile. Chiediti il perchè non lo hanno fatto visto che potrebbero acquistare ogni genere di cosa esistente o crearne una nuova come dici tu.

thenoobroxas

Ma perché non dovrebbe essere legale? Se non vuoi aderire al servizio, non aderire. Apple non obbliga nessuno.

Jam

Vita da servo. Ma almeno tu sei un troll, pensa a chi ci crede davvero.

Odio_Everyeye!

Vedi, ci fosse il COMUNISMO Apple non potrebbe fare così la furba.

Odio_Everyeye!

Come le tasse

publicenemy

con la “piccola” differenza che una rapina non la puoi rifiutare

MacOS Catalina disponibile al download: ecco cosa ha cambiato Apple | Video

Recensione iPhone 11 Pro: una conferma ma 64GB base non bastano

Apple iPhone 11: live batteria (3.100mAh) | Fine ore 21.20

Apple iPhone 11 Pro: live batteria (3.046mAh) | Fine ore 20.13