Apple accusata di monopolio per la vendita di app su iOS

26 Novembre 2018 512

iOS e App Store sono un binomio indissolubile sin dal lancio della prima versione del negozio virtuale di Apple, avvenuta con il rilascio di iPhone OS 2 nell'estate del 2008. Questo ha permesso a tutti i dispositivi iOS di accedere ad un vastissimo parco applicazioni - ad oggi ben oltre 2 milioni - in maniera rapida e sicura, visto che ogni singola app deve sottostare a un processo di verifica e approvazione che assicura la piena compatibilità e l'assenza di malware.

Oggi questa sinergia viene messa in discussione da una nuova causa legale che potrebbe avere conseguenze importanti per l'ecosistema iOS: un gruppo di consumatori ha accusato Apple di tenere un comportamento monopolistico consentendo l'installazione di app esclusivamente attraverso App Store, creando un danno alla concorrenza che favorisce l'aumento del prezzo delle applicazioni rispetto a quello che si avrebbe in un mercato libero. La causa è stata sottoposta alla Corte Suprema statunitense che si esprimerà entro il prossimo giugno.


La difesa di Apple sostiene che la Corte debba rigettare il caso, dal momento che la società di Cupertino non vende nulla nello Store, bensì si limita a gestirlo e ad ottenere una commissione sulle vendite realizzate da chi distribuisce i propri servizi a pagamento all'interno del suo canale. Apple pone anche l'enfasi sull'innovazione portata dallo Store e sul fatto che siano stati creati nuovi lavori e una vera economia all'interno di un settore che prima non esisteva affatto.

La questione ora verte attorno a un punto fondamentale: il presunto aumento dei prezzi lamentato dai consumatori è dovuto alla volontà degli sviluppatori o è causato dalle commissioni applicate da Apple? Diversi servizi - come ad esempio Spotify - hanno scelto di offrire ai propri utenti la possibilità di effettuare acquisti e sottoscrizioni solo al di fuori di App Store (tramite browser web, ad esempio), in modo da aggirare la tassa Apple. Resta da capire se la Corte Suprema reputerà tale comportamento - applicato comunque anche da altri store, come Google Play (il caso Fortnite ce lo ricorda) - lesivo della libertà del mercato.

La vicenda appare molto articolata dal momento che la Corte potrebbe stabilire che i consumatori in questione non siano titolati per richiedere un risarcimento, visto che - secondo oltre 40 anni di precedenti di questo tipo - solo l'acquirente diretto di un servizio può far causa al distributore. In questo caso dovrebbero essere gli sviluppatori - ovvero coloro che pagano Apple per accedere ad App Store - a muovere causa contro la società di Cupertino, qualora ritenessero scorretto il suo comportamento.


La causa è stata inizialmente sottoposta alla Corte di San Francisco, che aveva scagionato Apple dall'accusa sostenendo che la società non vende nulla direttamente ai possessori di dispositivi iOS. Tuttavia la situazione è stata giudicata in maniera diversa durante il ricorso in appello, in cui il ruolo di Apple è stato interpretato al pari di quello di un rivenditore che compra le merci (le app e i servizi, in questo caso) all'ingrosso (gli sviluppatori) per poi distribuirli ai clienti finali (gli utenti).

Questo permetterebbe ai consumatori di muovere causa contro Cupertino, anche se la società della Mela Morsicata sostiene che si tratti di un'interpretazione errata dei fatti, motivo per cui ha portato la questione all'attenzione della Corte Suprema. Attendiamo ora il verdetto finale, che potrebbe avere conseguenze importanti per il futuro di iOS e per le casse di Apple, viste le ingenti multe milionarie che potrebbero presentarsi all'orizzonte.


512

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Duzzu Acid

Jobs, lo stesso che si massacrava di acidi, picchiava i dipendenti, non ha riconosciuto sua figlia ed è stato cacciato da apple?
Lo stesso che è stato rimesso in apple quando Microsoft l'ha salvata dal suo periodo più buio? Come dimenticare il keynote con il vecchio Bill sul grande schermo annunciato in pompa magna da Jobs?
Apple deve molto più a Woz, Ive e Gates che a Jobs.
E questa è storia.

Boronius

Beh insomma, qua sei un poco pesante, Jobs aveva delle belle trovate, sarebbe stato utile in Microsoft

Squall02

Puoi scaricare app "aziendali" da store alternative per essere davvero complete anche su Apple.

Duzzu Acid

E perché?
Mica un governo ti obbliga ad usare qualcosa di preciso, anzi, ti darebbe possibilità di scelta all'interno di un preciso sistema molto diffuso.

Duzzu Acid

No, esistono i brevetti frand.

Duzzu Acid

La sua missione è guadagnare e quello lo fa benissimo illudendo la gente che ha i soldi ma non la competenza.

Boronius

Repressione in stile sovietico

Boronius

Se IOS non è sicuro allora Apple ha fallito la sua missione

Boronius

Discorso complesso. A questo punto si potrebbe anche dire che i brevetti dovrebbero essere aboliti perché "limitano la libera concorrenza". Ma senza la (debole) protezione di un brevetto chi me lo farebbe fare di farmi il cülone per realizzare una qualche innovazione? Si tornerebbe alla Unione Sovietica

Duzzu Acid

Ah perché.. lo penso.

Stefanoc

Con quale disegnino riesci a capire che secondo me chi fattura di più non per forza sta abusando di una posizione dominante?
Le cavolate le scrivi solo tu perché ti infastidisce che altri la pensino diversamente da te e pensi sia un d@annato apple fag.

Duzzu Acid

Si, qui hai detto questo, in altri commenti tante altre cavolate, android è la piattaforma ad oggi più diffusa, ma non come windows a quei tempi, è accessibile per le tasche dei consumatori, ma se il fatturato dell'app store è più alto rispetto a quello del play store, capisci da solo che qualcosa di diverso c'è o devo farti i disegnini?

Stefanoc

Quali cavolate? Quale cambio focus?
Ho detto che è più facile comprare un telefono android ora che un tempo procurarsi un pc con linux per la gente comune.
Android, come Windows, è la piattaforma più diffusa e accessibile per le tasche dei consumatori.
iOS non è imposto ai consumatori come era imposto Windows a suo tempo.
La realtà ti circonda, prova a capirla.

Duzzu Acid

Guarda, capisco l'essere tanto innamorati di un brand tanto da non saper più come difenderlo, ma almeno evitare di inventarsi cavolate e cambiare sempre il focus del discorso..

Stefanoc

Guarda, capisco avercela in maniera forsennata contro un brand tanto da non aver le idee chiare su cosa dire, ma almeno seguire il filo di un discorso...

Duzzu Acid

Si, si, non ho mai avuto dubbi che il problema in questo caso risieda nella tua testa, anche perché credere sul serio alla favoletta che apple non vende attraverso l'app store ma si limita a gestirlo e prendere percentuali (wtf? non è quello che fa qualunque negoziante?) è veramente da idioti, quindi si, verrà multata e se non verrà multata allora quello si che sarà ingiusto verso chi ha subito un trattamento diverso.

GianTT

Ed invece le vendite di iPhone sono fatte per l'ecosistema fantastico? Non mi tornerebbe con i numeri, visto che fuori dagli USA la diffusione dei Macbook non supera il 10%.

Stefanoc

La gente comune compra dalle grandi catene e ignora l’esistenza di Linux. I produttori hanno sempre spinto su Windows, non raccontiamoci favole almeno.

GianTT

E chi ti obbligava ad acquistarle? Tutte le più grandi aziende produttrici avevano modelli con su Linux, eppure la gente comprava Windows, che ricordiamoci non è stato imposto con la forza, si è diffuso poco alla volta con strategie commerciali eccellenti di sicuro, ma anche perché quello che più si è sempre avvicinato alle esigenze degli utenti.
Non c'era alcuna imposizione neanche allora

GianTT

L'Antitrust nasce per evitare che un'azienda importante, diventi potente e poi dominante in modo assoluto. Microsoft con grandissimo successo diffonde Windows, poi approfittando di competitor non attrezzati ti fa usare Explorer come predefinito, con Explorer mette MSN come homepage di default e da lì ti pubblicizza il suo mondo di servizi internet.
Non si può dire "va be, è l'utente che ha scelto" e permettere che una multinazionale, in modo banale, imponga la sua forza su ogni competitor e sulla libertà di concorrenza.
Lo stesso succede per Apple con iOS, rende di fatto di default obbligatorio il passaggio di ogni transazione in-app attraverso i suoi servizi, e impone le sue comissioni.

Stefanoc

Microsoft è stata multata per una posizione dominante, per ora la realtà è come la vorrei io contrariamente a quanto dici.
Quando la realtà favorirà la tua battaglia anti-apple sarò comunque qua a dirti che lo trovo ingiusto finché le ragioni del mio pensiero restano le stesse.

Duzzu Acid

Ok, sulla piattaforma hardware iphone, a quale altro store posso rivolgermi per acquistare software?
Il fatto che secondo te questo sia ammissibile non toglie che in realtà non lo sia, puoi continuare a scrivere come la pensi quante volte vuoi, mala legge funziona in modo diverso tanto che Microsoft è stata, giustamente, multata, e dovrebbe esserlo anche Apple, quindi non è questione di punti di vista, c'è una realtà, poi c'è come la vorresti tu.

Stefanoc

Io sono dell'idea che un'azienda privata può blindare una sua piattaforma finché ogni consumatore è libero di rivolgersi ad altre piattaforme per accedere a servizi imprescindibili.
E' questione di punti di vista finché si discute su un blog , non è così e basta solo perché non sei capace di esprimere un tuo pensiero.

Duzzu Acid

Quindi tu auspichi un futuro dove anche i sistemi desktop permettano di installare le applicazioni solo dallo store ufficiale del produttore del sistema?
Dato che releghi le installazioni standard a "retaggio" del passato, robaccia obsoleta portatrice di vulnerabilità.
Di grazia, quale software stai usando per scrivere questi commenti illuminanti?
Ancora, il problema è a monte di quanto si spende, è la possibilità di concorrere in un mercato che nessuna azienda privata può pretendere di blindare.

Stefanoc

Possiamo anche parlare all'infinito ma io non sposto nessun focus, il pensiero è sempre lo stesso e lo condivido anche in favore di Android.
Sono convinto che la libertà che certi consumatori bravano a dismisura sia solo un vecchio retaggio. App store e play store hanno favorito gli sviluppatori e non il contrario. Molte delle app per cui si discute non sarebbero nemmeno esistite e noi consumatori ci avremmo rimesso molto di più.
Invece state qua a piangere per non spendere una miseria per delle applicazioni e fate paragoni improponibili con sistemi desktop figli di un'altra era.

Duzzu Acid

Quindi? non è comunque fuori contesto, e continui a muovere il focus da un punto all'altro sperando che io mi perda: "non venirmi a dire che per la gente comune era facile procurarsi un pc linux quanto ora procurarsi uno smartphone android." forse intendevi uno smartphone apple, comunque si, il problema è sempre l'informazione, la gente non si informava su linux, comprava windows e microsoft è stata multata perché ostacolava la concorrenza, esattamente come adesso la gente non si informa su android ed ios, compra iphone ed apple dovrebbe essere multata perché ostacola la concorrenza, non cambia assolutamente NULLA e questo è un concetto semplice, che TU, non riesci a capire.

Mah....

Stefanoc

Ho scritto "su quasi tutte le macchine" e poi non venirmi a dire che per la gente comune era facile procurarsi un pc linux quanto ora procurarsi uno smartphone android.
Non riesci a capire concetti semplici a quanto pare, oltre a non saper leggere.

Duzzu Acid

Non è affatto fuori contesto dato che hai detto che windows era preinstallato su tutte le macchine, non è cosi, potevi comprare tranquillamente pc senza windows sopra, caxxo l'hai scritto tu poco sopra, inizio ad avere il dubbio che tu possa semplicemente avere l'alzheimer.

Duzzu Acid

Ci sono già, e già ios non è sicuro, vedi anche i casini successi con il cloud.

Duzzu Acid

Invece sono giuste le multe a Microsoft e dovrebbero essere applicate anche ad Apple per gli stessi motivi.

Boronius

Possono essere valutazioni legali che derivano anche (in parte) da pressioni varie di X oppure di Y

Ansem The Seeker Of Darkness

Che tu non gli voglia far causa è affar tuo. Capisco che apple voglia avere più controllo possibile, ma se poi crea un monopolio deve assumersi le conseguenze

Boronius

Il tuo ragionamento è anche corretto però va contro il classico comportamento Apple, ovvero di chiusura totale. Io ad esempio non amo questo comportamento quindi non compro nulla di Apple, però non mi sogno di fare causa legale contro Apple...

Boronius

Mah, sono punti di vista. Se tu consenti la libera installazione di software allora torni indietro al pörcaio del software per DOS e Windows, utility con virus, exe infetti dentro le email e così via

Boronius

Infatti secondo il mio parere Microsoft non doveva essere condannata per IE e altre cose. Nessuno obbliga ad usare Windows...

Duzzu Acid

No, sei tu che continui a vedere solo la pirateria, ma per fortuna il mondo è pieno di persone migliori.

Stefanoc

Consumatori e sviluppatori dagli store alternativi non ci stanno guadagnano proprio un bel niente se non per piratare qualche app, cosa non capisci dell'ovvia realtà?
Ma continua pure da solo, tanto continui solo a travisare un punto di vista per sport...

Duzzu Acid

Continui a trollare male, è più che ovvio che con questa frase: "ma non lo decidi comunque tu da privato" per privato io intenda apple.
Ed è ovvio che più concorrenza = situazione migliore per sviluppatori e consumatori, meno per apple, forse, ma non può farci nulla dato che non spetta a lei decidere le regole del mercato.

Stefanoc

Non pretendo di decidere infatti, si commenta per esprimere il proprio pensiero se no per quale altro motivo, per far l'hater come te?
Il mio buon senso mi dice che nessuno sano di mente si sognerebbe di versar soldi a store alternativi, per come stanno le cose ancora.

Stefanoc

Ma quale maniera sensata che ti sei messo a parlare di assemblati con linux completamente fuori contesto..

Duzzu Acid

Blatero?
Ti rispondo argomentando in modo sensato, tu piuttosto, non riesci a trovare altre argomentazioni neanche fallaci come le solite e sei finito a darmi dell'hater da due soldi?

Duzzu Acid

Certo che puoi essere discordante, ma non lo decidi comunque tu da privato e soprattutto non decidi che per te debba funzionare in modo diverso che per gli altri.
Non sono io ad imporlo, è il buon senso.

Dwarven Defender

è una cosa davvero priva di senso...

Stefanoc

Ancora blateri hater da due soldi?

Mattia Righetti

Mi baso, come già detto, su parole di sviluppatori che seguo quotidianamente che espongono grafici di guadagni su piattaforme diverse con le stesse applicazioni. Sicuramente non parlo per conto mio ma è un dato di fatto che su iOS si guadagna più che su Android, è sempre stato così e sempre così sarà.

Bauscia

Beh su android fottesega gli apk li prendi da dove vuoi!

Duzzu Acid

Tra l'altro linux potevi e puoi usarlo su qualunque pc con windows preinstallato, su un iphone o un mac cos'altro puoi usare? che alternative ci sono?

Duzzu Acid

Potevi comprare dei freedos, o assemblarteli tu, o andare in un negozio specializzato e fartene assemblare uno con linux, com'è che diceva un altro utente che la pensa come te? "bisogna informarsi prima di comprare" ok, bene, apple te lo mette anche sul contratto quando paghi l'affitto dell'iphone che certe cose non le puoi fare ma forse ti sfugge il fatto che se la dici prima, una cosa, non diventa automaticamente legale, esattamente come tutti sapevano ci fosse windows sui pc e li compravano volontariamente, ma microsoft è stata punita lo stesso.

Stefanoc

Vabbè allora diciamo quello che vogliamo e tanti saluti.
Windows era preinstallato su quasi tutte le macchine e di diversi produttori.
Vuoi mica dire che è la stessa cosa ios?

Recensione Apple iPad Pro 12.9 (2018): può essere il tuo computer?

Apple iPhone XR: recensione e confronto con iPhone X ed iPhone XS Max

MacBook Air risorge: è tutto nuovo e con Retina Display da 13,3" | Prezzi Italia

Apple iPad Pro 11" e 12,9" ufficiali: A12X Bionic, Face ID, USB-C e Pencil 2