Mac Vs PC, Apple cambia strategia e punta su Windows virtualizzato

18 Agosto 2013 402

Per anni ed anni, Apple ha cercato di convincerci di quanto sia migliore un Mac rispetto ad un PC Windows, dando vita ad una delle più memorabili campagne pubblicitarie, "Get a Mac": iniziavano tutte con Justin Long che diceva "Hello, I'm a Mac" e John Hodgman che gli rispondeva "And I'm a PC"; finivano tutte con il PC umiliato e ridicolizzato dal suo compagno, più cool e meno "professional".

I tempi della lotta Mac Vs PC sembrano essere giunti al termine: PC e Mac han fatto pace [video]. Nell'era post-Steve Jobs, Apple vuole riconquistare i clienti "pro", quelli che Steve Jobs era pronto ad abbandonare, secondo le ultime dichiarazioni di Ken Segall, la mente dietro alla campagna Think Different. E per farlo, punterà anche su Windows, in versione virtualizzata su Mac.

Secondo quanto riporta 9to5mac, nel prossimo futuro vedremo comparire nelle sezioni business/professional degli Apple Retail Store, iMac da 27 pollici con la Windows 8 virtualizzato con Parallels Desktop 8. A differenza di Boot Camp, l'assistente per la partizione del disco e l'installazione di Windows su Mac, Parallels, così come altre alternative della concorrenza, permette di utilizzare OS X e Windows fianco a fianco, aumentando di conseguenza la produttività. I dipendenti del negozio cercheranno di dimostrare la bontà dell'esperienza di utilizzo di Windows anche su macchine Macintosh, facendo l'occhiolino a quegli utenti ancora legati a Windows solo per motivi professionali e software Windows-only.


Apple sta cercando di riconquistare gli utenti "pro"? Sembra di sì -col ridisegnato Mac Pro in arrivo e i nuovi MacBook Pro e iMac sempre più performanti- ma forse la domanda corretta è: riuscirà a riconquistarli?


402

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
tommy86r

sinceramente, hai scritto tanta di quella roba che mi scoccia anche solo leggerla.
soprattutto perchè la maggior parte di quel che hai scritto non è la realtà dei fatti.
ti dico solo che non conosci sicuramente bene ciò che offre microsoft.
Attenzione in visual studio volendo puoi anche scrivere app per iphone e android (esiste xamarin).
La facilità con cui sviluppi un app per windows phone te la sogni sia per iphone sia per android.
poi ripeto la documentazione che offre microsoft è spettacolare,basterebbe solo msdn, senza contare le enormi coummunity ecc

Lief

1. beh ti pare poco non poter fare app per iOS quando metà del mercato è lì? poter programmare in visualbasic serve a poco ad oggi. Tutto è su mobile, quindi servono C#, objective C e Java (gli ultimi 2 in particolare).

2. no in VS la gestione non è come su xcode. te lo assicuro perchè li uso entrambi.
3. neanche per xcode devi uscire dall'IDE per la documentazione di base.
Ma io parlo dei pdf che ti guidano passo passo nella creazione di qualsiasi cosa, per farti un'idea di cosa intendo puoi andare nella sezione sviluppatori del sito apple, start devolop for ios, in alto a destra download pdf. ti ritrovi un pdf che ti guida passo passo, aggiornato all'ultimissima versione. dopo averlo seguito hai già creato la tua prima app perfettamente funzionante. Ma il bello è che questo non vale solo per i primi passi, praticamente ogni guida ti segue passo passo per darti tutti gli strumenti per iniziare, che tu abbia programmato prima oppure no.
Microsoft non da tali strumenti, e se è per questo neanche java.
La creazione delle interfaccie, tanto criticata dai principianti, se si seguono le linee guida diventa molto versatile.

Ripeto, provare per credere (basta seguire le guide per installarsi osx in virtuale. xcode è gratuito).

Non dico che VS non sia buono (ci tengo a precisare che ho l'ultima versione pro, visto che con dreamspak la regalano), e neanche che C# sia un brutto linguaggio, dico che la Apple ha fatto meglio, tutto qua (ho detto giocattolo un po' per provocazione, visto che la costruzione delle interfaccie ha sempre quel tono di semplicità che però butta fuori delle interfaccie valide per windows e basta).

C# lo uso in particolare con un motore grafico chiamato Unity3d, è un buon linguaggio, così simile a Java che non bisogna fare molto sforzo per impararlo (ed è un bene). I limiti di questo linguaggio però sono legati al fatto che il progetto mono offre un IDE limitato e (ad eccezione dei programmi fatti con Unity3d) se non si usa mono si è vincolati a Microsoft (Windows, Windows Mobile).
Ad oggi invece il mercato va verso i dispositivi mobili, Android in particolare (con Java, ed è quindi obbligatorio usare Eclipse o simili) e iOS (che piaccia o no ha all'incirca la metà del mercato nel paese da dove scaricano la meta degli utenti).

Come se non bastasse tradurre un programma da WM a W e viceversa è molto più complicato che fare lo stesso da iOS a Mac e viceversa, e apple offre degli ottimi pdf guida per farlo.
Poter offrire in modo semplice il proprio programma per più piattaforme significa risparmiare lavoro e tempo.

Mi sembra che tu voglia fare polemica, quegli ahahahah sono tipici dei fanboys (windows,android,apple,e chi ne ha più ne metta), il mio consiglio è di lasciar perdere, quando trovi qualcuno preparato come fanboy si fa sempre una pessima figura.
Che poi anch'io ho avuto il periodo anti-apple, poi ho avuto la fortuna di poter usare tutti i giorni un macbook ed ho cambiato idea... che sia open source o closed source l'importante è che un programma/sistema operativo sia programmato bene, e osx è programmato benissimo.

Windows ha fatto passi da gigante ma è ancora lontano, mancano in particolare alcune feature che ci sono anche in linux e dovrebbero essere di base. multi-desktop, visione di tutti i programmi aperti, visione dei programmi installati (senza uninstaller, o cartelle), applicazioni desktop e metro in un'unica intefaccia ridimensionabile, gesture multi-touch sul trackpad (il touch screen è scomodo su schermi del computer).

tommy86r

ma stai scherzano ? no ma realmente dici ? ahahahhahahaha

1) "puoi programmare in c, c++, objective-c" anche in VS, solo objective-c no ma mi sembra ovvio.

2) "Utilizzando uno schermo esterno puoi tenere aperti più codici contemporaneamente" ma nooo non mi dire, secondo te in VS non puoi farlo? O.o

3) la documentazione e il supporto che trovi su qualsiasi prodotto microsoft è enorme. Addirittura non hai manco più bisogno di uscire dall'IDE, in VS2013 c'è Peek Definition

Vabbè ma di che stiamo parlando, non è che sei rimasto alla prestoria ?

Immaginidalfronte

Per ''n'' motivi, inoltre ci sarebbe da quantificare questo ''pagare di più'', poichè è relativo a diverse variabili.

Immaginidalfronte

''Ogniuno''.

Forse chi virtualizza windows lo fa poiché fa anche altro, oltre al realizzare progetti specifici, con quello strumento.

Immaginidalfronte

Sbam.

Lief

vaio pro bel giocattolo con scheda integrata scadente e ssd non pcie. certo che per 0,02 Kg in più preferisco di gran lunga l'air (e chiunque abbia un po' di cervello preferirebbe un SSD PCIe piuttosto che uno sata III e un Intel 5000 piuttosto che una 4400).

i7 significa niente... c'è l'ultima generazione sugli air.
e comunque tra sconto studenti e ricondizionati si risparmia parecchio.

il mac è la scelta migliore, e non è più costosa (anzi spesso è più economica).

e comunque senza guardare ad altro il 13'' i7 costa 1379€... quei 179€ in più (e bisogna sempre guardare tutto il resto, perchè dubito che il tuo abbia ssd pcie), alla rivendita non solo li recuperi ma te ne rientrano il doppio di quanto tu possa rivendere il tuo ultrabook.

se poi ci aggiungi lo sconto studenti (o i ricondizionati) risulta che il 13'' i7 costa meno di quello che hai tu (che ha probabilmente anche qualcosa in meno)...

Mi sa che è appena crollata la favola che i mac sono più costosi.... quale altra favola ti inventerai? chi lo sa....
... io mi sono stufato di risponderti, di solito si dice a chi difende apple che non ha argomenti, semplicemente credo che dopo un po' uno si stufi di rispondere a certe cavolate... tienti pure i tuoi giocattolini con windows quadrati e ubuntu "non mi funziona il bluetooth".
Io mi godo OS X, l'ottima assistenza dei mac, e i soldi in più che riceverò alla rivendita quando sentirò la necessità di un nuovo modello.

Marco

Un mio collega ha ancora l'i7 bloomfield e continua giocando da dio. 16 gb dd3 a 1600 di 4 anni fà vanno ancora adesso. Giusto la scheda video che andrebbe cambiata ogni 2 anni.

Ah, riguardo al peso dell'air 11 forse dovresti informarti meglio (vaio pro 11 tra tutti).

Il mio ultrabook con i7 l'ho pagato 1200 euro.... 13 pollici. Vai sul configuratore apple a farti un air 13 pollici con l'i7 e torna a dirmi quanto ti esce di prezzo.

Il mac non è la scelta migliore, è una scelta costosa.

Lief

quell'ultrabook è costato di sicuro uguale al macbook (oppure è con ssd ibrido schifoso). Cercando su internet non esiste nessun ultrabook che costi meno di un air con pari caratteristiche (te lo dice uno che ci ha perso mesi perchè non voleva mac). Poi che il tuo "ultrabook" sia più leggero di un air significa che è un tablet... non ho visto nessun ultrabook pesare meno dell'air da 11''.

All'università ci sono i computer, ma sono vecchi e lenti, e comunque non li puoi usare per gli appunti delle altre materie (forse ai tuoi tempi si usava ancora penna e fogli... oggi chi è furbo si prende gli appunti su computer).

certo a casa tutti usano i cassoni assemblati per giocare... non credere di essere l'unico a saper montare 4 pezzi in croce di ultima generazione e farne un cassone che vola e consuma più energia elettrica di quanto una ferrari consuma carburante...LOL certe volte mi chiedo davvero a cosa serva costruire certe cagate che dopo un mese non valgono neanche la metà dei soldi spesi.

Non c'è bisogno di avere mac... semplicemente è la scelta migliore.

Marco

A parte che io in università non ho mai sentito l'esigenza di usare IL MIO COMPUTER ma andavo avanti senza problemi con quelli dell'università. Poi magari al giorno d'oggi li hanno venduti tutti e vi obbligano a portare i vostri... non saprei!

Se dovevo fare un progetto in java, c++, etc lo sviluppavo tranquillamente da casa e portavo l'eseguibile (o se era una webapp in php, direttamente da browser).

Poi io all'università facevo i corsi e me ne tornavo a casa, non ci passavo troppo tempo.

In ambito lavorativo uso un ultrabook dual boot win e linux e vado avanti come una scheggia senza bisogno di un aggeggio che a pari caratteristiche costa il doppio del mio ultrabook ed è pure più grosso e pesante... poi se sei di quelli "tutti usano il mac e voglio anche io una bella mela luminosa o mi sento diverso dai miei compagni di università" è un'altro discorso.

A casa ho un assemblato che è letteralmente un aereo con monitor 27 e 2 monitor da 24. Il portatile resta nella borsa e viene tirato fuori solo quando son in giro (a lavoro ho il pc dell'azienda).

Questo BISOGNO di avere un mac a tutti i costi è inutile.

Lassà stà il discorso "videogiochi" valà.. proprio non c'è storia.

Lief

ma in quale epoca vivi. guarda che con MAMP utilizzare server apache non è un problema, è di una semplicità disarmante.

OSX ci fai tutto quello che ci vuoi fare, dalla programmazione a musica e video ma il vero vantaggio in università è che hanno delle batterie mostruose che ti permettono di fare tutta la giornata senza sbatterti in pausa pranzo con caricatori vari.

windows ha un terminale che è una cagata, e siccome a informatica ti fanno usare il terminale il 90% usa o linux o osx.

Su OSX il compilatore gcc per c e c++ è installato automaticamente con xcode comunque. anche se c si fa solo al secondo anno prima si fa java.

Chi ha l'orticaria del codice chiuso si tiene il portatilone pesante, con linux installato che ogni tanto gli da problemi di driver (in particolare per il bluetooth) e windows installato ma quasi mai utilizzato (tranne chi gioca all'uni ma di recente chi gioca prende il tablet), inoltre a pranzo fa a gara per prendere posto il prima possibile in modo che restino libere le prese LOL.

gli altri si prendono un macbook air o un retina dei computer molto leggeri senza problemi e con un'ottima batteria, hanno lo stesso terminale usato su linux, non hanno alcun problema di programmi e possono usare anche windows in caso di necessità (quando uno è stanco può giocare un pochino su windows).

Windows è inutile, me ne sono reso conto proprio all'uni dove nessuno lo usa e da quando ho preso il macbook neanch'io lo uso.
Gli ultraportatili poi costano quanto un mac, si svalutano di più e la batteria finisce prima quindi quale oscura ragione può portarti a non prendere mac, solo una la stupida cocciutaggine del fatto che osx sia chiuso... tutto il resto è aria fritta. Molti confondono addirittura iOS con OSX, il primo è un os per iphone veramente chiuso (non si può usare neanche il bluetooth normalmente), il secondo è il sistema operativo dei mac e l'unica cosa chiusa è il codice sorgente (cosa peraltro che è valida anche per linux per il 99% delle persone, nel senso che sono in pochi coloro che riescono a riprogrammare linux seriamente).

Linux è carino per carità, ho usato anche Arch Linux, Ubuntu, Fedora, Open Suse, ma hanno tutti problemi, in particolare quando cerchi di sfruttare tutto l'hardware del computer (in particolare i problemi sorgono su scheda wifi, scheda grafica e bluetooth).
Sui mac tutto questo non succede.

I mac sono nati per fare tutto quello che fa un computer ma nel 90% dei casi lo fanno meglio.
Li sconsiglio solo a due categorie:
1. I videogiocatori, loro si devono prendere un bel fisso assemblato.

2. Gli architetti visto che autocad uscito da poco per mac è ancora ignobile (così mi dicono).

Poi diciamocelo, se vuoi diventare programmatore al giorno d'oggi hai 2 strade:
1. programmare in COBOL, e utilizzare un computer qualsiasi (perchè il codice gira su mainframe...)
2. programmare in java, objective-c per android e ios... indovina quale computer devi prendere per programmare su entrambi... esatto un mac.
i programmi per computer diverranno sempre più di nicchia... il futuro è mobile, quindi chi è così scemo da continuare a programmare su pc presto avrà problemi.

poi puoi anche fare il gestore server se vuoi (a me fa cagare)

Anche i motori grafici per i videogiochi (penso a Unity3d) sono nati su mac e non funzionano su linux mentre su windows hanno dei bug.

Marco

Ok.

A) Quale università? Io ho studiato al DTI di Milano informatica, un anno all'università di Murcia e uno a Sherbrooke (Montreal).

Sia in Spagna che in Italia che in Canada tutti Windos e Linux.

Windows? Lo usi come server tranquillo per applicazioni ASP e se serve con xaamp (senza diventare scemi) emuli Apache. Inoltre tutti i programmi base (ad esempio per impostare reti combinatorie, esame del primo anno) su windows girano che è una meraviglia.

Linux? Server apache, compilatore per c++ e java incluso.

A che cavolo server OSX? PERCHE'? E' unix based, come lo è Linux. Però ci fai meno cose. Perchè dovrebbero usarlo?

Giusto nelle sezioni di video e music editing. Ma qui si parla d'altro.

Lief

Difatti metro fa talmente de*** che sono passato a mac e come me molti altri. Adesso che vedo cosa mi sono perso col c*** che ritorno indietro

Lief

guarda che su mac flash c'è. funziona, sia su safari che su firefox che su chrome.
l'unico programma che non ho mai visto (ufficialmente) è winrar, esistono però una quantità di alternative gratuite e funzionanti che quasi quasi windows si deve rintanare (poverino, costretto a crackare winrar da sempre).
Winrar per mac è un porting di linux... però esiste Simplyrar e Keka che sono infinitamente meglio e i .zip sono gestiti nativamente da osx.
Gli altri programmi ci sono tutti (anzi ti consiglio una prova, cerca per tutti i programmi che hai sul pc una versione per mac, se ne trovi uno che non esiste e non ha neanche un'alternativa valida scrivimelo che lo sviluppo io entro fine anno)

Lief

Il mac è assolutamente il meglio per programmare...
tanto è vero che nella facoltà di informatica il 50% usa mac (mai visti tanti mac tutti insieme) il 40% usa Linux (perchè osx è closed source e certe persone hanno l'orticaria quando lo sanno... lol per me non è un problema), il 10% (ovvero chi deve giocare o non ha fatto l'informatico e di conseguenza non sa niente di sistemi unix) ha windows (ma entro un anno cambiano quasi tutti, tranne chi è giocatore incallito)

Lief

Io li uso entrambi. Visual studio è lo stesso giocattolo che si usava per sviluppare su visual basic 6.
XCode è un po' più complesso, all'inizio, ma una volta imparato rileva tutte le sue potenzialità:
1. puoi programmare in c, c++, objective-c con una compatibilià di codice assoluta, si può programmare anche in java senza compatibilità tra i codici (su visual studio i vari linguaggi non comunicano fra loro).
2. Utilizzando uno schermo esterno puoi tenere aperti più codici contemporaneamente (se non vedi vantaggi non hai mai programmato seriamente).
3. I materiali Apple sono gratuiti, aggiornati e facilmente consultabili oltre ad essere completi con teoria e pratica, guide passo passo che ti insegnano ad usare al meglio non solo xcode ma anche gli strumenti messi a disposizione per la creazione delle interfaccie (visual studio sarà anche più semplice da utilizzare in questo punto ma non permette di cambiare di una virgola quello che si vuole fare).

Secondo me piuttosto che visual studio meglio utilizzare monodevelop se si vuole sviluppare in c#, è gratuto, multi-piattaforma ed è più leggero di quel pachiderma di VS.
Naturalmente xcode è su un altro pianeta

Diego Paolo

Veramente le *le stai scrivendo tu. Giusto per fare qualche esempio: Gli effetti speciali del film Avatar sono stati fatti con PC Windows. Gli enti e aziende che lavorano con alta tecnologia non usano Mac ma PC con Windows o Linux. Nella Formula 1 dove l'aspetto tecnologico è ai massimi livelli non usano il Mac, ma PC con Windows e Linux. La famosa casa EA electronics creatrice di tanti games, per la creazione dei giochi (compreso il renderne 3d) usa PC con Windows. Poi hai tirato in ballo la NASA sparando delle mischiate bibliche: La NASA non usa ne Debian, ne OS X poiché non hanno la certificazione di sicurezza C.O.E. richiesta per l'uso di sistemi operativi nei settori governativi federali americani. I sistemi operativi attualmente in possesso di questa certificazione sono: Solaris 8, HP-UX, Windows NT e AIX e Linux Redi Hot. Poi se ti riferisci ai Mac e iPad usati per la missione di Curiosità su Marte dello scorso anno mi duole informarti che li hanno usati per vedere le immagini trasmesse dal server centrale. E' uno spasso girare per i siti e vedere le mazzate che scrivete voi melafan.

Morris Di Leo

La workstation o stazione di lavoro.. comunque si io calcolo tutte le postazioni di lavoro. Ho provato a cercare qualche dato e da quel che ho visto : 91.19% Windows. Poi ripeto, sono convito che ci sia qualche realtà dove ci sono anche MAC, ma si parla di piccoli numeri. Se poi hai altri dai a disposizione sarei curioso di vederli. :)

StefanoJ

Per Workstation si intende postazioni di lavoro pro in ambito desktop publishing, video editing, studi musicali, foto editoria, CAD, ingegneria eccetera. Forse negli ultimi due settori Windows ancora ha un mercato. Per il resto ne ha ben poco. Se poi consideri una workstation la postazione Office di ogni terminale esistente al mondo, allora hai ragione. Alla NASA fino a poco tempo fa oltre ai sistemi operativi in tempo reale, usavano XP (e molti Mac). Ora sui PC montano Debian (anche sulla ISS).
Scuole e Università negli USA hanno praticamente solo Mac. Ma puoi sempre controllare. I link sulle distribuzioni degli OS sono facili da trovare... PS: Windows 8 sta al 10 % a settembre 2013, sui desktop. Non mi pare un gran successo. Sui Mac tutti corrono ad aggiornare all'ultima release. Che ora è anche gratuita!

Morris Di Leo

scusami ma per me workstation sono tutte le stazioni di lavoro che diamo agli utenti, che si tratti di azienda sanitaria pubblica\privata, che si tratti di edilizia, che si tratti di azienda meccanica. Detto questo su circa 100000 client il 99% sono Windows. Se il fotografo che hai sotto casa usa un iMac mi fa piacere, ma io non parlo per sentito dire, ma per esperienze personali. Anche un'azienda che seguiamo che fa grafica (piccola impresa) ha 6 mac e 30 postazioni con Windows. Ora mandami il link di dove hai letto queste cose. P.S , l'unico utilizzo serio che ho visto fare di un mac è stato in Italia in un'azienda sanitaria pubblica, dove un mac pro ( da circa 12k) riproduceva in maniera maniacale una scansione del cervello 3D, una cosa fantastica. Comunque se vuoi darmi i link perché sono davvero molto molto curioso.

StefanoJ

Ma ci sei o ci fai? Non ho parlato di server OS X (che ci sono ma sono pochi). Windows domina nel settore home, Office e gaming. Nel resto non esiste. Sui server sta al 30-35%. Nelle workstation 0,5%, dati di uno o due anni fa. Nel settore musica, video, foto ed editoriale Apple domina da sempre. Nel mobile Windows sta al 2%!. Se poi uno installa Windows 7 perché dei programmi di m. per OS X non li fanno è colpa di Apple? Ah ah ah ah.

Morris Di Leo

veramente io ci lavoro con molte aziende americane, e ti assicuro che nessuna utilizza server OSX. Il tutto è distribuito quasi equamente tra Windows e Linux. Per le postazioni di lavoro sono al 99% Windows, qualche client OSX e Zero Linux. Detto questo ci sono moltissimi iPad. Seguiamo anche una famosissima azienda che fa moda, all'interno abbiamo molti iMAC perché per loro l'estetica è essenziale, però hanno richiesto Windows 7. Sempre loro hanno sparsi tanti iPad. Personalmente un dominio fatto da OSX non l'ho mai mai visto.

StefanoJ

Il tuo era utilissimo. Fatti un giro negli USA o guardati un po' di statistiche di utilizzo SO nei settori PRO (server, workstation, università, industria video, foto, editoria). Buon proseguimento.

Morris Di Leo

bel commento utile... con questo dimostri solo di non avere argomentazioni valide.

StefanoJ

AHAHHAHAHAHAHAHAHHA avanti un altro.

Morris Di Leo

ma in che film? Apple non domina niente, sembra incredibile ma le persone che commentano hanno mai lavorato nell'IT o parlano per sentito dire? Apple va forte nel settore mobile da qualche anno, per il settore PRO apple è proprio fuori dai giochi.

Morris Di Leo

ehehe divertente questa discussione Barvi . Il punto è che Microsoft nelle aziende è troppo forte, possono esserci aziende che hanno dei client osx ma solo perché è una specifica richiesta da parte dell'utente o solo perché c'è un software che gira su quell'ambiente. Cose rarissime. Microsoft è imbattibile, abbiamo office, SharePoint, GPO, Fileserver, ecc... ecc.. tutti gli appilicativi parlano con activedirectory per l'autenticazione .. In ambito server applicativo c'è Linux che è forte, direi al pari di Microsoft, però OSX ... ZERO. Per quanto riguarda il dominio 99.9% Microsoft. Mi dispiace ma Pietro Sammarco non ha mai visto oltre il suo naso, perché anche negli stati uniti è così, non solo in Europa.

tommy86r

Tutti i grandi progetti? Bè dire che su Windows non vengono sviluppati grandi progetti mi sembra un po' un azzardo

tommy86r

Questo è ovvio... quello che intendo io è che quando ho provato xcode mi è sembrato un obbrobrio... sicuramente è anche una questione di abitudini...
Ricordo di un video che mostrava come creare una semplice app di hello word confrontando Visual Studio (Windows Phone), xcode (ios) e eclipse (android).. be in quel video risaltava la praticità e velocità di Visual studio, eclipse molto simile, xcode una ciofeca :)

StefanoJ

Sui pochi computer sui quali era installato (tra cui quelli della ISS che, non ti scordare, è stata implementata e appaltata dai e ai russi). Le statistiche dicono che Windows domina in ambito Office e Home (gaming). In ambito pro Apple domina, da sempre. Poi credi a quello che vuoi.

Profkerim

Davvero!!! Strano proprio la nasa ha annunciato il cambio da win a linux, ma forse visto che la gestisci tu la nasa sei ovviamente più informato di me.
Che win non esiste è un tuo punto di vista ma statistiche alla mano win domina ancora il mercato, privato e più o meno aziendale, perché superato da linux server.
Quello in cui credi tu rimane al 6/7% del mercato

StefanoJ

Alla NASA non hanno mai usato Windows. Se non sai cosa sia una Workstation informati. Microsoft si regge su Office e Gaming. Nel resto quasi non esiste (quasi nemmeno nel Mobile). Punto.

sardus

vuol dire che samba EMULA windows, e le aziende di una certa dimensione vogliono supporti veri, non smanettare. Win server + win client è totalmente gestito da group policy (se vuoi puoi distribuire tranquillamente la stampante gestita su cups), ma la gestione centralizzata di linux è quello che veramente gli manca e per cui le aziende non vogliono spostarsi su quel fronte (lato client ovvimente, perché lato server la questione come già scritto è diversa) ed alla fine il TCO risulta essere più alto.
io poi sono per le alternative, ma ad ogni cosa il suo mestiere, ma il connubio di management win srv + win client a mio parere rimane imbattuto.
poi M$ vorrebbe fare tante cose (se non tutto), ma sinceramente aziendalmente (perché i 600 € li percepiamo come azienda non io personalmente, magari!) poi usiamo tutta una serie di prodotto specifici, da Cisco, VMware, HP, Fortinet, etc...
ribadivo solo la bontà di quello che hanno fatto non sono per niente Microsoft centrico e non lo sarò mai.

ciao

Panzone

Cosa vuoi dire con qualità costruttiva?
Delle belle viti in titanio vs viti in plastica?

Sgnapy

Non elogiavo ne gli unibody, ne le plastiche, parlo semplicemente di qualità costruttiva, che sia apple, hp o altro.Che hai studiato la frequenza di risonanza lo abbiamo capito, bravo.

Pietro Sammarco

600 euro al giorno? Ammazza, prendero` si e no un quarto io.

"visto che sei tanto bravo, spiegami come DISTRIBUISCI la stampante di piano alle postazioni linux o a mac os x o le cartelle di reparto."

Non sono per niente bravo, il bravo sei tu che fai il consulente informatico per le aziende da 16 anni e prendi 600 euro al giorno, io sono un miserabile in confronto.

Cmq in risposta, sempre con CUPS + Samba qualora la stampante verra` utilizata da entrambe le piattaforme, ovvero Linux, Windows e Mac, altrimenti escludendo Windows semplicemente CUPS visto che sia Mac che Linux utilizzano CUPS printing di default, oppure se un environment solo Mac e Linux come server posso anche utilizare AFP Printing Server utilizzando Netatalk stack.

Qualora la stampante e` condivisa con piu` building si puo` optare per un cloud printing sharing oppure VPN.

Poi cosa vuoi dire con "che poi che con cups emuli la condivisione di windows per le stampanti che caz. centra? se poi non la distribuisco via group policy (per carità tutto emulabile, ma EMULABILE non NATIVO)." ?

Di emulazione qui non c'e` un bel niente, CUPS e` il printer Server, mentre Samba viene utilizzato per configurare I vari clints che avranno accesso a questa benedetta stampante, e Samba non e` altro che lo stack MS di condivisione Open Source per *nix.

Ciao

sardus

certo ho imparato ieri, scusa, per questo facciamo pagare 600 euro al giorno e faccio sto lavoro solo da 16 anni.
faccio il consulente informatico per le aziende, l'azienda dove lavoro siamo in 10. Di realtà ne vedo parecchie non una sola, come credo veda tu.
visto che sei tanto bravo, spiegami come DISTRIBUISCI la stampante di piano alle postazioni linux o a mac os x o le cartelle di reparto.
quello che ho detto io è che windows nell'ambito della gestione remota è imbattibile, che poi che con cups emuli la condivisione di windows per le stampanti che caz. centra? se poi non la distribuisco via group policy (per carità tutto emulabile, ma EMULABILE non NATIVO).
windows 7 è stabile, il problema è l'utente e gli amministratori di rete incapaci, se l'utente è utente (e non amministratore come molti per facilità mettono) e tutto gestito con rigide policy windows 7 diventa un mulo.

ciao

Pietro Sammarco

Caro mio,
Punto primo lavoro per Microsoft e` ho sempre detto che lavoro per Microsoft, e non ho mai detto di aver lavorato per CTV, ma di aver lavorato presso uno dei carrier hotel dove CTV hosta i suoi server, il che e` una grossa differenza, ed ho anche puntualizzato che l'azienda per cui ho lavorato si chiamava Peer 1 Canada.
Secondo, non vivo in Italia da un po` di tempo e di conseguenza non sono tenuto a pagare le tasse anche in Italia, visto che dove sto ne pago anche trope.
Inoltre quanto guadagno non ti interessa, e non mi pare di aver mai detto di lavorare per MS, Google e CTV inzieme, ne lavoro una settimana in un azienda e una nell'altra, ma ripeto lavoro per Microsoft, e come datacentre tech in una outsourcing company dove risiedono i contratti che ho elencato prima.
Per quanto riguarda il Wikipedia, tutto quel poco che ti ho detto proviene da passione, informazione ed esperienza, anche se in verita` non ti ho detto un bel niente.
Detto questo concludo dicendo che assolutamente non lodo Apple, sono un Open Source supporter, semplicemente non tollero leggere stupidagini da presenti pseudo professori del niente, che si basano su mitologie e presentimenti o preferenze, e vogliono intavolare presunti discorsi tecnici basati sulle stupidagini attaccando persone che sicuramente non hanno una base informatica, semplicemente per farsi i belli.

PS: ti faccio notare come sia tu stesso a lasciare l'unico -1 presente nelle mie risposte. Questo la dice lunga.

Saluti

Profkerim

lavori per Microsoft, per apple per Google per CTV, qualsiasi cosa viene citata nei commenti, nelle tue risposte appare sempre la scritta "te lo dice uno che lavora per".
la prima domanda è quanto guadagni? e la seconda è
ma fai una settimana da uno e una dall'altra, hai praticamente infinite buste paghe, le tasse le paghi solo in italia?
il fatto che tu possa avere delle ideologie tue o avere fonti come Wikipedia, non ti fanno sembrare uno competente, e sbagliare il nome di un applicazione idiota non fa di una persona un incompetente.
l'unica cosa che si è capita è che tu lodi apple, ne sei talmente convinto che credi davvero che tutti lo usano, forse perché ti hanno detto che lo usano i pro.
preferisco la tua affermazione di non intraprendere un discorso con uno come me, forse è meglio.

Panzone

e l'uccelino? ;D

Pietro Sammarco

Guarda mi dici che le aziende ricercano la centralizzazione delle configurazoni, group policy e distrubuzione automatica dei drivers, e CUPS e` nato proprio per fare fronte a questo problema, e ti spiego.

CUPS funziona in questa maniera:

CUPS (Printing server) > Samba Printing Gateway > Windows Clients.

In questo modo non ci sono drivers da installare visto che I clients utilizzeranno lo stack di condivisione SMB il quale e` di default con Windows.

In questo scenario le uniche configurazioni saranno quelle di configurare CUPS (printing server), e configurare SMB printing gateway per gli account che andranno ad utilizzare la stampante.

Questo ti porta un terzo del tempo che impiegheresti nel condividere la stampante e configurare l'environmet e stare dietro ad ogni client per qualsiasi problema, rendendo cosi` ogni client indipendente e realizzando un lavoro pulito.

In Italia un azienda con 2/3 amministratori di rete non puo` in nessun modo gestire 600 clients come da te mensionato prima, ed allo stesso tempo occuparsi anche della gestione dei centralini e telefoni.

Inoltre, non ho assolutmente interesse di parlare con i tuoi dirigenti, perche` se questi hanno la visione di gestione di rete proprio come quella che hai tu, allora dovrebbero cambiare lavoro, e te lo dice uno che lavora per Microsoft, in un azienda che gestisce Apple, Asos, Cisco, Yoox, Citrix e Google, dove ci sono circa 3250 cients, e non ti dico altro.

Inoltre, mi potresti illustrare quali sono questi problemi che un azienda avrebbe nell'utilizzare Mac?

Aggiungo anche che mi fa sorridere sentire che Windows 7 offre un uptime e reliability del 99% 24/7. Sei il primo ad afermare questo, perche` qui in azienda i clients saltano continuaente, e ripeto lavoro per Microsoft, paradosso no?

A questo punto mi pongo una domanda, hai menzionato 600 giusto per fare cool oppue lavori effettivamente per un azienda che gestisce 600 clients?

In caso di rispota affermativa, sicuro di non confondere un
1/2 level technician con un amministratore di rete?

Saluti

sardus

non è una questione di configuare il server e questo rimane lì bello bello a rispondere, il fatto è che le aziende vogliono la centralizzazione delle configurazioni, mai sentito parlare di group policy? di distribuzione automatica dei driver? di impostazioni centralizzate di stampa? forse no...
hai mai messo piede in una multi-utilities qualunque? da quelli dell'energia elettrica alla spazzatura intendo... se uno arriva con proposte mettiamo linux a tutti, il giorno dopo metà delle persone non possono più lavorare.
le aziende in america hanno dimensioni che in europa difficilmente arriveremo mai, pertanto anche nel gruppo informatico interno ci sono molte persone che lavorano.
in europa, ma soprattuto in italia, ci sono 2 / 3 persone all'ufficio IT che devono fare tutto, dai telefoni alla rete.
ad ogni modo windows 7 nelle aziende è funzionante al 99,9 % del tempo e 365 gg all'anno...
ti farei parlare con un paio di dirigenti di alcune aziende dove andiamo e poi facciamo due conti di quanti giorni uomo servono a gestire tutto quello che chiedono con mac os x, ci sarebbe proprio da ridere.

Pietro Sammarco

Caro signor sistemista informatico,
Forse la maggior parte delle aziende Europee usano ancora WIndows, perche` in North America molte e dico molte aziende stanno passando a Mac per una questione di Management, nel senso che un azienda preferisce spendere $500 a client in piu` ma avere dei clients funzionanti al 99% 24/7 365 giorni l'anno e risparmiare $275 al giorno di amministratore help desk 1/2 livello.

Per quanto riguarda la compatibilita` dei SW su OSX, al di la` di CAD e qualche sw di nicchia, la compatibilita` e del 99%, e per quell`1% ci sono sempre ottime alternative valide.

Per quanto riguarda la realizzazione di una condivisione di stampa multipiattaforma c'e` CUPS.

Se non conosci CUPS oppure non hai mai configurato un printing server con CUPS, allora molto probabilmente non gestisci una rete di stampa condivisa di 600 clients.

Saluti

Pietro Sammarco

Cerchiamo di dare un senso alle miriadi di stupidagini che hai detto.
Il kernel insieme al sistema di base che gira sulla UI di OSX e` originalmente basato su FreeBSD 5.X, il quale non ha niente a che vedere con Linux
.
Cosa poi vuoi dire con "mac viene scritto su Debian" questo c'e` lo chiediamo un po' tutti.

Per quanto riguarda Android, Google scrive le API e Google APPS e probabilmente anche core UI su OSX con Eclipse e Android SDK. Mentre kernel e subsystem vengono sviluppati su Linux.

Invece, se tu pensi che iWork serva per fare video editing, allora sei messo peggio di me perche` e` palese che non solo non hai alcuna competenza informatica e ti sei permesso di venire a criticare senza alcun senso, ma non conosci nemmeno i prodotti basilari su cui fai riferimento.

Il resto di quello che hai detto e` incommentabile, perche` punto primo il kernel di OSX e` disegnato affinche` funzioni solo sui mac per scelta di Apple, che ti piaccia o no, e secondo ci sono dei progetti OSX86 di cui io personalmente faccio parte, i quali portano OSX vanilla su hardware Mac alike, ma comunque mi rendo conto che questo e` un discorso che non posso intraprendere con uno come te.

Percio`, prima di venire a sputare sentenze conraddicendo una persona certamente informata sul discorso che tiene, cerca perlomeno di informarti su quello che vuoi dire, altrimenti c'e` il rischio di fare delle figure pessime.

Saluti

Profkerim

lo si spera ma dato quello che scrivono riesco solo a pensare al CEPU con Del Piero.

Profkerim

due progetti importanti Ios e android, già da qui capiamo il livello di interazione.
IOS è scritto su MAC ok ma mac è scirtto in UNIX/Linux quindi... IOS è Unix/Linux.
Android è interamente Linux.
tu cosa intendi per scritte su mac? che usano un mac per scrivere codice?? bhe no usano Debin/Linux.

se pensi che i film vengano fatti con iwork siam messi male,
se pesi alla computer grafica per i film e pensi al mac, non credo dato che i programmi base sono per Linux/Windows.
si pernsi ad ltri programmi come Autodesk cinema4d o after effects sono programmi sia per win che per Osx.
dire che ie crasha vuol dire non conoscere Windows, e la complessità di Windows, ehi tu con il Mac prova ad installare OSX su qualunque altro hardware e dimmi se funziona, bhe no. ergo Windows va installato su tutto e funziona su tutto. è sicuramente meglio programmato del osx che funge solo su un tipo di hardware.

sardus

guarda, faccio il sistemista informatico, il 99% delle aziende usa windows. poi ci sono una serie di prodotti di punta, che girano effettivamente solo su osx o linux. il primo solo chi fa grafica (ma grafica generica, non disegni cad, perché quelli sono su win) e linux invece li usiamo solo come os server (davvero imbattibile su moltissimi servizi), ma il resto è tutto windows. prova a dare a distribuire una stampante centralizzata a 600 persone in base al piano su cui lavorano e/o a dargli dischi comuni e/o a limitargli i siti che possono vedere e/o a bloccarli su qualsiasi cosa decida la direzione.

le * le scrivi tu. fidati.

Profkerim

1° si ho visto aziende serie usare Windows, aziende serie che non fanno video editing, foto ed editoria, perché queste non sono aziende serie, vedo ancora oggi aziende con 40 / 50 MILA dipendenti usare Windows per la programmazione, e per la gestione insomma per fare roba seria.
i server nel mondo sono solo suddivisi tra Windows e Linux, diciamo un 40% Win 60% Linux, e io personalmente qui preferisco Linux.
alla nasa hanno fatto il passaggio da Windows a Debian un anno fa, non usano e mai useranno Os X, dato che è un sistema chiuso, per questo sono passati a debian.
non so cosa c'entrino i docenti universitari usa, e non so cosa tu intenda per workstation, dato che dai 1% a Windows.
aziende serie qualcuno le ha viste e ci lavora altri no.

StefanoJ

Grande! Ahaha

StefanoJ

Hai mai visto un'azienda seria usare Windows?
Il tuo discorso vare solo per l'office computing.
Chi fa foto, grafica, video editing, editoria, da sempre, usa Mac. Come il 70 % dei docenti universitari negli USA. I server Windows nel mondo sono circa il 30 %. Le workstation meno del 1%.
Alla NASA usano Debian e OS X (sui Mac). La ISS usava Windows XP fino a 3 mesi fa (!). Sostituito con Debian 6 Live.
Quindi non scriviamo c a z z a te...

Apple, dove stai andando? | Editoriale

iPhone X: tutte le GESTURE di sistema #guida | Video

iPhone X: doppio live batteria | Fine ore 19:00 e 20.40

iPhone X disponibile all'acquisto a partire da 1189€: lo comprerete? | Video