Come nasce un iPhone 5 dalla Foxconn: reportage sotto copertura

14 Settembre 2012 117


Un'esperienza che ha quasi del drammatico quella che vi stiamo per raccontare messa in luce da un giornalista dello Shanghai Evening Post che tempo fa si è infiltrato all'interno della fabbrica degli orrori per realizzare questo reportage sotto copertura. Siamo venuti a conoscenza di questa faccenda grazie al sito woorkup (fonte traduzione) ed a MicGadget (fonte articolo) che hanno riportato la notizia questa mattina; notizia che altro non fa che riportare l'esperienza di questo giornalista all'interno dello stabilimento Foxconn durante la produzione del nuovissimo iPhone 5. Il giornalista, quindi, riporta la sua esperienza, dal primo giorno (in cui è stato reclutato) fino al decimo (in cui ha abbandonato lo stabilimento). Il piano dell'azienda è quello di produrre 57 milioni di iPhone 5 all'anno e per fare ciò ha bisogno di altri 20.000 dipendenti da sfruttare. Il diario di questo giornalista parla della produzione del nuovo smartphone della mela, ma è giusto chiarire il fatto che in quegli stabilimenti si produce davvero di tutto. Ora vi lasciamo alla lettura disarmante del suo racconto che, sicuramente, vi lascerà a bocca aperta!

Primo giorno - Reclutamento: buona salute e carta d'identità


Ho contattato il responsabile delle Risorse Umane che si occupa del reclutamento. Mi è stato detto che per lavorare alla Foxconn bisogna essere sani e in possesso di una carta d’identità valida. Quando ho raggiunto l’ingresso della fabbrica sono stato avvicinato da una guardia di sicurezza. Mi ha chiesto dai 100 ai 200 yuan (circa 15 – 18 dollari) per garantirmi un metodo più rapido per iniziare a lavorare. L’ho ignorato.

Mi è stato consegnato un modulo da compilare per verificare il mio stato psicologico. Circa trenta domande sul mio stato fisico degli ultimi trenta giorni a cui rispondere “sì o “no. Una delle domande:“Hai avuto problemi psicologici di qualche tipo recentemente?.

Dopo aver riempito il modulo, con altri lavoratori siamo stati caricati su un autobus diretto all’impianto Foxconn di Tai Yuan.


La prima notte trascorsa nei dormitori della Foxconn è stata un incubo. L’intero locale puzza di spazzatura. E’ un misto di odore di immondizia, sudore e sporcizia. Nei corridoi, fuori ogni stanza, vengono accatastati rifiuti di ogni genere. Quando ho aperto il mio armadio sono strisciati fuori alcuni scarafaggi. Le lenzuola che vengono distribuite ai nuovi arrivati sono piene di peli e cenere.

Secondo giorno - Si firma il contratto: "Nessun danno ambientale?"


Il secondo giorno, mentre stavo facendo colazione nella mensa della Foxconn, ho sentito qualcuno gridare. “Fanculo! Il cibo fa schifo! Non aspettatevi che faccia dello straordinario!. Lo stesso ragazzo ha poi sussurrato che, prima di andarsene, avrebbe danneggiato il letto del dormitorio. Questa potrebbe essere una buona spiegazione del perché nel mio letto c’è un grande buco sulla tavola di legno dove poggia il materasso.


Dopo colazione abbiamo firmato il contratto in una stanzetta adiacente alla mensa. Sul contratto sono evidenziate quattro sezioni che ognuno deve mantenere strettamente riservate. 1. Informazioni Tecniche; 2. Dati di Vendita; 3. Risorse Umane; 4. Statistiche di produzione. Non viene fatto alcun riferimento alle ore di straordinario. Nella sezione “Possibili effetti nocivi per i lavoratori durante il processo produttivo, la direzione ha esplicitamente richiesto di barrare la casella “No. Tra questi rischi figurano “inquinamento acustico e “inquinamento tossico. Mi sono domandato se il processo produttivo avrebbe potuto causarmi davvero qualche danno durante il lavoro.

Dal terzo al sesto giorno - Sessione di formazione: "Dovete solo obbedire!"


Il giorno successivo alla firma del contratto siamo stati riuniti in una sala dove veniamo informati sulla storia della Foxconn, le politiche e le misure di sicurezza. Durante l’intera conferenza è stato fortemente enfatizzato un punto: “Tutto quello che dovete fare è solo obbedire alle istruzioni che vi vengono fornite. Ci sono state distribuite delle schede che riportano 13 punti sulle politiche di compensazione monetaria a fronte di 70 relativi alle sanzioni. L’istruttore ha sottolineato:“qualcuno di voi potrebbe sentirsi a disagio su come viene trattato qui dentro, ma tutto questo è solo per il vostro bene.

Dopo ci è stato mostrato un video di orientamento sull’impianto Foxconn. Quando qualcuno ha tirato in ballo i casi di suicidio chiedendo informazioni a riguardo, lo staff non ha evitato l’argomento. Tuttavia non si è neanche dimostrato particolarmente disposto a parlarne. Durante la discussione qualcuno dei nuovi ha fatto notare che il pessimo stile di vita e le condizioni dei dormitori potrebbero portare qualcuno al suicidio. Ho anche notato che tutte le finestre del dormitorio hanno delle sbarre.

Settimo giorno - E' tempo di riposare: "Sfogate lo stress."


Dopo la sessione di formazione riceviamo rapidamente alcune istruzioni e veniamo organizzati per il lavoro quando è già notte. Ci è consentito di riposare solo durante il giorno. Ho la febbre e il mal di testa prima ancora di iniziare a lavorare. Ho chiesto di poter essere visitato presso l’ospedale dell’impianto ma mi è stato detto che c’è solo un medico in turno con 4-5 pazienti in visita. Quando ho domandato a una delle infermiere quanto avrei dovuto pagare per il controllo medico, questa mi ha risposto sgarbatamente: “Vai a chiederlo al tuo capo!.

Nei giorni scorsi sono stato in molte strutture dell’impianto Foxconn: dormitori, mense, bagni, parco giochi, palestra, ospedale, ufficio postale, biblioteca e negozi. Sebbene la maggior parte di queste strutture siano gratuite per i lavoratori, necessitano di seri miglioramenti. All’interno del centro d’intrattenimento, ad esempio, due giochi arcade sui tre presenti sono fuori uso. La cosiddetta “sala teatro mostra solo lo screenshot di una sala riunioni.

Fuori dalla fabbrica non sono riuscito a trovare un posto dove vendessero birra, uno sgabello e dei sostegni per appendere i vestiti della lavanderia. Durante i fine settimana, fuori nel parco giochi, si tengono degli incontri dove tutti i dipendenti Foxconn si riuniscono per ballare. Chi organizza il party parla attraverso un microfono: “siamo tutti stressati dal lavoro di ogni giorno e non c’è consentito gridare durante la fase di produzione. Qui invece potete gridare così forte da poter sfogare tutto lo stress!. Uno dei miei compagni di stanza mi ha detto che questi incontri settimanali gli piacciono. Si diverte a ballare e ha anche trovato una ragazza.

Dall' ottavo al decimo giorno - Assemblaggio iPhone 5: "Fai quello che ti viene detto di fare!"


Abbiamo raggiunto l’ingresso del reparto di produzione. C’è un segnale d’avvertimento su cui è scritto:AREA TOP SECRET. Sulla porta è istallato un metal detector. Ci è stato detto che se qualcuno entra o esce dalla porta e viene scoperto in possesso di qualsiasi tipo di materiale metallico (come la fibbia di una cintura, orecchini, macchine fotografiche, telefoni cellulari, lettori mp3) viene licenziato sul posto al momento. Uno dei miei compagni di stanza mi ha riferito che uno dei suoi amici è stato licenziato perché teneva con se un cavo USB.

Dopo essere passato attraverso il metal detector, non appena sono entrato all’interno del locale della linea produttiva ho sentito un forte rumore proveniente dai macchinari e un denso odore di plastica. Il nostro supervisore ci ha avvertiti:“una volta che vi sedete dovete solo fare quello che vi è stato detto di fare. Il supervisore finalmente mostra a tutti il retro del nuovo iPhone 5 e dice: “questo è il retro del nuovo iPhone 5. Dovreste essere onorati di produrlo.

La nostra linea è autorizzata ad usare nastri di carta e tappi di plastica per coprire l’ingresso del jack delle cuffie e le porte di collegamento della piastra posteriore dell’iPhone, per evitare che, nella fase successiva del ciclo produttivo, la vernice possa essere spruzzata al loro interno. Il nostro supervisore ci ha chiesto di indossare maschera e guanti e di osservare come i dipendenti più anziani lavorano.

Alle undici di sera siamo andati a cena e dopo mezzanotte abbiamo cominciato a lavorare di nuovo. Mi viene assegnato il compito di segnare i punti di posizionamento sulla piastra posteriore dell’iPhone con uno speciale pennarello a base di vernice ad olio. Vengo rimproverato più volte di versare troppo olio nella marcatura. Il mio compagno di stanza è assegnato all’incollaggio dei nastri di mascheratura (lunghi meno di cinque millimetri) sui punti che io ho marcato. Viene rimproverato di continuo perché le incolla troppo lentamente.

Il nostro supervisore ha detto che effettivamente questi lavori sono assegnati alle donne perché hanno le dita più piccole, ma a causa dei troppi lavoratori che recentemente si sono dimessi, non hanno altra scelta se non assegnare quel task agli uomini.

Ogni tre secondi, una piastra posteriore di un iPhone scorre davanti a me. Devo prendere la piastra, segnare i quattro punti di posizionamento con il pennarello e rimetterla rapidamente sul nastro senza commettere errori. Dopo aver ripetuto la stessa azione per diverse ore ho un terribile torcicollo e un forte dolore muscolare al braccio. Uno dei nuovi seduto davanti a me, esausto si è fermato per un po’. Il supervisore se ne è accorto e lo ha punito mettendolo per dieci minuto in un angolo come si faceva una volta a scuola.


Abbiamo lavorato senza interruzioni dalla mezzanotte fino alle sei del mattino successivo. C’è stato chiesto di continuare a lavorare per mantenere in funzione la linea produttiva. Nessuno è autorizzato a fermarsi finché il nastro continua a scorrere. Sono affamato e totalmente esausto. Secondo i miei calcoli devo segnare almeno cinque piastre posteriori ogni minuto. Che fanno circa 3000 piastre ogni dieci ore. Ci sono quattro linee di produzione impegnate nello stesso processo, ciascuna con 12 addetti. Ogni linea può produrre 36.000 piastre posteriori in mezza giornata, è impressionante…

Ho smesso di lavorare alle sette del mattino. Due ore prima, alle cinque, c’è stato chiesto di tirare avanti per altre due ore. Il supervisore ha gridato ad alta voce davanti a noi: “Chi di voi vuole riposare? Siete qui per guadagnare soldi! Lavorate di più!. Ho riflettuto e mi sono chiesto chi mai vorrebbe lavorare in quelle condizioni e sostenere altre due ore di straordinario per appena 27 yuan (4 dollari) in più?

Il giorno dopo i supervisori ci hanno trattato come nei giorni precedenti e molti di noi erano arrabbiati. Ogni volta che prendavamo un componente dell'iPhone 5, lo lavoravamo e lo riponevamo di nuovo sul nastro scorrevole esclamavamo "fu*k" per cacciare fuori un po' di stress. Uno tra i dipendenti più anziani ci aveva consigliato di smettere di lavorare quando finiva il turno alle cinque del mattino e non fare ore di straordinario nonostante venivano richieste dalla vigilanza, questo perché non andava contro il regolamento. Nel nostro gruppo formato da 36 persone solo due lavoratori erano così fortunati e veloci da tenersi al passo con il controllo qualità, pertanto potevano riposare 10 minuti ogni 2 ore. Noi, invece, dovevamo lavorare senza fermarci per 7 ore di fila. (Fine del diario).

La pagina originale pubblicata il 27 Agosto da Shanghai Evening Post


e precisazione:

... con questo post non si vuole puntare il dito contro apple o altre aziende ma si vuole mettere in evidenza come vi siano ancora situazioni di lavori ed essere umani che vivono al limite della sopravvivenza .. Dalla fonte del post:

We are confounded on the diary on how bad the living condition of the Foxconn workers at the dormitory and the kind of treatment they have received. Though it’s still interesting to know the workflow of manufacturing the iPhone 5 back-plate. Although there is no guarantee of the report’s authenticity,

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Tiger Shop a 368 euro oppure da Unieuro a 482 euro.

117

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
laser00

Foxconn produce anche componenti per schede madri dei pc, e schede madri stesse, oltre a connettori, spinotti e altro materiale elettronico, porte parallele, porte usb, e altri componenti pc.
Non cambia niente se compri Apple, o Samsung, o LG, o altre marche di cellulari, dato che sono tutte aziende come Foxconn che li producono, anzi forse qui sono già al top come trattamento umano, se andiamo nelle piccole aziende che producono cloni di iphone o altri cell mi sa che siamo in veri lagher nazisti.
La cina è cosi, l' unica cosa che ho notato adesso che ho avuto il pensiero di controllare è che il mio nokia è Made In Hungary ,
Strano dato che è di 6mesi fa come telefono, è vergognoso comunque che multinazionali come apple che ricaricano mille volte sul costo del oggetto non si preoccupano di certe cose, capirei Samsung che sono Koreani, ma Apple sono Amaricani ..

Marco

vale per tutte le produzioni elettroniche telefoni, tablet, tv, computer, e anti altri prodotti! quello che dovete mettere in conto che i prodotti iphone durano 4 volte di piu di un altro tipo di prrodotto come i samsung o sony e che quindi inquinano di più ! e sfruttano di più queste persone!

Gigi

Mi domando come possiate avere ancora il coraggio di comprare un iPhone dopo una lettura come questa.

Ci mancava solo la scritta "Arbeit macht frei" all'ingresso della catena produttiva.

Tizio Caio

Queste cosa si sanno e si sapevano già.. e purtroppo vale per QUALSIASI cosa.. perchè sono molto più importanti i SOLDI in una società capitalista...

M.

Se abbiamo smesso di comprare i nokia è colpa nostra? Dovevano passare a wm molto prima e abbandonare symbian.. Ultimamente si sono ripresi e stanno tirando fuori degli ottimi device, ma ormai la gente preferisce android e ios...

Lorenzo Stefani

Le grandi aziende dovrebbero tornare a produrre nei loro paesi d'origine e adiacenti, solo così il lavoro tornerebbe a molti, ma le aziende non vogliono perdere soldi.

Lorenzo Stefani

ha tagliato personale e ha spostato alcune fabbriche in Cina perché abbiamo smesso di comprare i Nokia... Prima era quasi tutto in Europa.

Daniel Andrade

e questa è la Foxconn... pensate la cina cosa può essere in stabilimenti ben peggiori..

PantaReJ

Io solo DMAX e Focus, mi piacciono da morire :DDDD

Yari da Novara

OT: L'innovazione toglie lavoro e allevia la fatica alle persone.. (pensa solo alle nuove casse automatiche... si perde la figura della cassiera e una famiglia in cui moglie e marito lavorano in un supermercato non avrà più un lavoro e di conseguenza un guadagno e da qui si origina la spirale che fa crollare i consumi. Il problema è che ormai l'attuale sistema non funziona più e deve essere cambiato ma quando qualcuno propone delle alternative diverse dall'attuale viene preso per pazzo senza stare li a cercare di capire e subito si dice "è un'utopia!". Forse queste persone non si rendono conto che anche volare era un'utopia ai tempi, però un certo Leonardo aveva avuto la giusta intuizione.

marcoforli

Non ho detto che quelle cose sono fatte alla foxconn, ti ho solo fatto presente qualcosa che potrebbe non essere prodotto in fillandia , io per primo amo i paesi del nord Europa ci mancherebbe

davidegta1509

Io sopra ho solo un articolo che mi fa vedere le linee di produzione dell'iphone 5. Leggilo. Per fare un confronto io direi: "prova tu a lavorarci lì", ci andresti a lavorare nella linea di produzione dell'iphone in cina? Io vado tranquillamente anche domani a lavorare in Finlandia e a produrmi da solo N9. Ho postato un link delle linee di produzione dell' N9 ed è ancora in attesa. Se fai una ricerca su google lo trovi anche tu. Già che ci sei prova a cercare la classifica degli stipendi europei guarda un pò come stanno i lavoratori Finlandesi. Ripeto da sopra: Finchè la gente continuerà a fare finta di nulla e comprare "made in cina" questa situazione non cambierà. Fammi capire cosa potrei pensare guardando foto come queste e confrontando gli stipendi dei lavoratori cinesi con quelli finlandesi? Concludo ho fatto una ricerca. la CPU dell' N9 è prodotta da texas instruments, il maggior centro di produzione è negli stati uniti. esistono centri anche in europa, giappone e asia (minori). La GPU è prodotta da Imagination Technologies (gran bretagna). Il display non ho trovato nulla che possa lontanamente supporre sia stato costruito in cina. Ho cercato ovunque anche su e bay e nessun e bayer cinese ce l'ha, solo tedeschi o inglesi. Per quanto ne so invece delle Ram (anche qui non ho trovato nulla) possono essere prodotte dovunque, l'elenco dei produttori è troppo vasto. alcune sono europee come trascend altre taiwanesi.

aka ~ Mr V

Schifato contro gli altri. Cosi come avete detto, non voglio puntare il dito contro Apple, ma boicotterei l'acquisto del melafonino. Se sapessi che Samsung fa lo stesso, neanche ci penserei ad acquistarlo. Stessa cosa per un telefono pure Google.

beppe beppuzz

perchè apple non ne ha di servizi (ovviamente non ai livelli di google)? itunes e appstore cosa sono, sai quanto guadagna apple con solo quei 2 servizi, lo hanno detto anche al keynote quante cavolo di canzoni e app scaricano un numero esagerato quindi fai 2 calcoli e vedi che di soldi ne fanno.
Io non ho parlato di buoni e cattivi, lo so che son tutti delle m@@@e a quei livelli ,sicuramente io bado a spendere meno e a quello che viene in tasca a me quindi..

Francesco Demonte

se facessero un macchinario del genere, sai quante persone finirebbero per strada senza un lavoro? centinaia di migliaia!
In questo caso la Foxconn si dovrebbe dare da fare, non dico per l'enorme mole di lavoro ma per l'igiene, dormire in quello schifo è scandaloso!

marcoforli

angosciante... ma se le cose continuano così hai descritto la triste verità...

marcoforli

Jobs bacchettava i suoi dipendenti diretti, parliamo di dipendenti americani con un intelligenza sopra le righe che poteva trovare altri 100 lavori, ma restavano in apple perchè finivano per dare ragione a Jobs, qui invece parliamo di persone "educate" fin da piccole a essere sfruttata, questo non da quando c'è il "comunismo", ma da secoli e secoli, diventando un atteggiamento culturale, questo va combattuto, in quanto per primo aziende come apple (perchè l'articolo parla di apple, ma è esteso a quasi tutta l'elettronica di consumo e tanti altri settori) vedono nel atteggiamento del popolo cinese il massimo , lavoratori che lavorano tanto a qualsiasi orario senza aprire bocca e per pochissimi euro (solo a livello impiegatizio i cinesi sono più o meno al nostro livello), questo è pericolassimo e aziende come apple non capiscono che stanno uccidendo la gallina dalle uova d'oro! l'occidente sta collassando e poi chi gli compra gli iphone? i cinesi? come no loro fanno prima a farsi da soli gli iphone...

marcoforli

forse perchè aziende come google fanno tanti soldi con i servizi? quindi hanno l'obbiettivo d'aver la maggiore diffusione in modo che più persone possano usare i loro servizi e nel caso di google di vendere a prezzo più alto la pubblicità? ma davvero c'è gente che crede che a quei livelli ci siano i buoni e i cattivi?

Donato Capuano

tutto ciò ci dovrebbe far riflettere....

Le grandi società come Samsung Apple e tante altre non hanno bisogno al giorno d'oggi di abbattere i costi, sono le società che ora come ora con questo boom tecnologico guadagnano di più al mondo possono permettersi sicuramente tempistiche diffrenti per i lavoratori e un trattameno meno schiavizzante.

Ragazzi ma non stupiamoci troppo, purtroppo la cina sul piano umanitario è rimasta ancora 100 anni indietro. Da un lato le tradizioni l'hanno fatta restare quella che è dall'altra con l'avanzamento dell'umanità l'hanno distrutta agli occhi del mondo intero.

Puetroppo al giorno d'oggi le altre nazioni invece di dissociarsi da questo schema lo appoggiano e lo utilizzano... questo è una vergogna

marcoforli

il processore? la ram? la batteria? il display? e praticamente tutto quello che lo compone dove pensi che vengano prodotti?

Vadero

Ragazzi sveglia... Foxconn non é apple, e lavora anche per altre note marche di computer e telefonini. In cina vanno denunciate 9 fabbriche su 10, il problema non é liphone 5, é Foxconn! Qesta cosa tra l'altro é vecchia, tim cook aveva già fatto qualcosa, ma mi pare che i responsabili di samsung, hp e tanti altri nomi importanti che si riforniscono da foxconn non hanno mai mosso un dito.

F3NN3clol

già... :(

Max Beghini

La foxconn secondo me ha poco da invidiare dai campi di lavoro forzato dei nazisti...

moodymors

Ragazzi qua non è questione di Apple, Samsung o altro, ma della CINA! Si parla di un paese sotto regime (comunista) senza alcun diritto del lavoratore e men che meno morali.. Sinceramente non mi fanno alcuna pena..

Da Rio

ot: lo guardo pure io, finalmente ho dimenticato mediaset :D un bel canale comunque, ci sono cose interessanti, anche se ci sono diverse vaccate di programmi :)

Essential

Mi dispiace dirlo ma questo orrore non finirà mai, ci saranno sempre paesi dove la produzione costa meno.
Oggi la cina è uno di questi, ma domani con il suo presunto sviluppo economico la situazione potrebbe migliorare, però allora altri paesi potrebbe prendere il suo posto e la cosa continuerebbe.
Io credo che questo sistema (economico) non funzioni per niente, è tutto puntato sul guadagno personale fregandosene di tutto e di tutti, se non si cambia metalità arriveremo ad un limite dettato dalle risorse del pianeta che prima o poi finiranno.
Quello che sembra un concetto elementare in una civiltà progredita, il distinguere dal quel che è giusto e da quel che è sbagliato, evidentemente manca a molte persone.

Guest

xD :

www youtube com/watch?v=iwKWM5KA2eA&list=UUNbS6YLjVRF-t4YisxTz1Wg&index=2&feature=plcp

Robertino68

Concordo.

Lucaa

e poi ci si chiede il motivo per cui tutte le aziende grosse vanno a produrre in cina.. grazie al ca..
questo è schiavismo psicologico mascherato da lavoro dipendente

è questa è solo una azienda.. in verità quante ce ne sono? migliaia? solo migliaia?

Dr. Fragle & MrShark

ma perché vi stupite, solo avendo i paraocchi non si immagina che da qualche parte ci siano "robot di carne" che producono in massa tutto quello di cui "abbiamo bisogno"... e pensate che l'Italia possa competere con questi? Illusi... i cinesi sono masse di distruttive locuste, dove la massa è l'"essere" e le singole unità possono benissimo perdersi, come in ogni aggregazione di "viventi"... è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo...

spartanfenix

tratto da wikipedia....''...Foxconn ha impianti produttivi in Asia, Europa e America Latina, dove assembla circa il 40 percento dei prodotti di elettronica di consumo del mondo...'' le vie sono due: 1) o iniziamo a usare il pugno duro e smettiamo di comprare o usare prodotti tecnologici (con la globalizazione dei mercati dubito che ci sia anche solo un componente di un prodotto che non passi per la cina) 2) o smettiamo tutti di fare del moralismo, del buonismo e della retorica insopportabile.

Lele

Solo il mi chiedo come questa persona abbia scattato alcune (ripeto, alcune, non tutte) foto nel supersegretissimo stabilimento Foxconn?
Per il resto, purtroppo, sapevamo già dei ritmi e delle condizioni disumane. Se n'è già commentato abbastanza ed è superfluo dire altro.

Vittorio Tiso

rivolta in 3...2...1...

Guest

Quasi lo speravamo, sai si tende sempre a pensarla in meglio, per non pensarla in peggio, e mandare tutti a fa***lo!!!

Guest

A me è bastato guardare le foto.

davidegta1509

il mio commento è in moderazione :) ho postato un video su come viene prodotto N9..omunque in giro per il web non ho trovato nulla che mi facesse presupporre che il mio N9 non fosse finlandese

Ufo Foscolo

Esattamente!!!!

jaco

Ragazzi é su questo che questi tipi di società guadagnano...altrimenti se pagassero e trattassero bene i dipendenti non sarebbero così multimilionarie...

Andrea Returns

Finché c'è gente che cambia cellulare ogni 6 mesi sarà sempre così...
...è l'eccesso di domanda che causa tutto ciò, non possiamo sperare che la multinazionale di turno (sia essa Apple, come Nike ecc.) si metta la mano sul cuore, perché non succederà mai

Fabio Hdblog

Ma non cantano il braccino mette il chippino?

Scherzi a parte, a me meraviglia molto di più che ci sia ancora chi si stupisce, Aziende con politiche raccapriccianti in alcuni paesi ci sono da anni. Anni fà sotto accusa c'era Nike che sfruttava i bambini. Le grosse aziende vengono passate sotto la lente, e la notizia ha maggior rilievo, ma non solo le uniche a svolgere queste pratiche "inumane".
Tutto ciò è a dir poco vergognoso!

M.

Lascia perdere il mio discorso.. era solo per dire che anche nokia, come apple e tutti gli altri quando si tratta di guadagnare se ne frega dei lavoratori. Ti ripeto che il tuo nokia è stato solamente assemblato in finlandia, i componenti interni sono stati costruiti in cina dalla foxconn. E se non ci credi cerca su google, wikipedia, o dove ti pare.
Inoltre solo quest'anno hanno fatto un taglio del personale di 10mila dipendenti e dall'anno prossimo pure nokia assemblerà i suoi smartphone in cina.

mettek

Non sorprendetevi è cosi anche per la produzione di vestiario o di gomme per le macchine o di qualsiasi altra cosa fabbricata e prodotta in paesi dove i diritti del lavoratore non esistono.

mettek

credici perchè è cosi e vale per tutti i settori che sfruttano manodopera asiatica o estera. Dai vestiti ai componenti electronici le differenze non ci sono

N#O#R#U#L#E#S

..fuga da alcatraz..

jamesd

e infatti in ogni rivoluzione nessuna classe sociale si è mai battuta da sola i poveri non ci sono mai riusciti...si ribellavano solo quando avevano il sostegno dei borghesi! quindi qua come in cina per far avvenire la rivoluzione bisogna mettere insieme i poveri quelli meno poveri e quelli che stanno benino... ma solo una classe non farà mai rivoluzione!

inchingostile

Non sono riuscito neanche a leggere tutto l'articolo.

Posso dire solo una cosa: SCHIFO

Claudio Mariani

vedilo su Dmax che c'è solo la voce di fondo che parla! pure a me quella tizzia di real time non mi piace! un po moscia...

beppe beppuzz

Vorrei proprio sapere alla fine chi è che ci guadagna di più? apple foxcon sicuramente non gli operai che lavorano per 10 dollari al giorno. Un altra cosa w google che mette in vendita un tablet a 249 dollari che penso abbia lo stesso costo di produzione di iphone e ti fa capire quanto l'azienda che vende il prodotto ci speculi sopra! tra apple e asusgoogle una delle 2 ha la coscienza un minimo più pulita del altro decidete voi chi!

Robertino68

Concordo.

davidegta1509

e chi sta parlando di Romania? io non ho comprato "made in romania". E adesso vuoi anche dire che gli stipendi in finlandia sono bassi per caso?

Recensione Apple iPad Pro 12.9 (2018): può essere il tuo computer?

Apple iPhone XR: recensione e confronto con iPhone X ed iPhone XS Max

MacBook Air risorge: è tutto nuovo e con Retina Display da 13,3" | Prezzi Italia

Apple iPad Pro 11" e 12,9" ufficiali: A12X Bionic, Face ID, USB-C e Pencil 2