iMyFone Umate Pro: elimina i dati dei dispositivi iOS in modo sicuro e definitivo

05 Luglio 2017 45

Ci sono tanti motivi per cui potrebbe essere necessario effettuare una cancellazione completa e profonda dei dati presenti su un terminale iOS. Restituire un dispositivo aziendale, vendere il proprio smartphone o tablet nel mercato dell’usato, regalarlo ad un amico o un parente; questi sono tutti casi in cui potrebbe essere meglio evitare che, attraverso l’utilizzo di tool specifici, sia possibile recuperare i dati appartenenti al precedente proprietario del device

Per evitare che questo accada, e che quindi informazioni sensibili possano finire tra le mani di malintenzionati, esistono applicazioni dedicate in grado di effettuare il processo di pulizia profonda citato poco sopra. Una di queste è iMyFone Umate Pro, un programma disponibile sia in versione Windows sia in versione macOS, che offre alcuni tool dedicati proprio alla gestione e alla cancellazione dei file presenti negli iDevice.

Abbiamo avuto modo di provare la suite, la quale, vi segnaliamo, ha un costo pari a 19.95$ con tutte le funzionalità complete, ed ecco quindi come va.

Una volta installato il programma (trovate link e dettagli alla fine) e collegato il vostro iDevice al vostro computer, l’applicazione vi offre alcune funzionalità selezionabili dal menù posto a sinistra. Nello specifico, sarà possibile effettuare l’analisi rapida del terminale tramite un click, cancellare completamente tutti i dati, eliminare definitivamente i file già cancellati dal telefono, cancellare i dati privati e eliminare i frammenti di dati presenti nelle app di terze parti, come WhatsApp, Line, Skype e YouTube, Instagram e così via. Presente anche una schermata iniziale che vi offre un riepilogo rapido della memoria totale del vostro dispositivo e quella ancora libera/occupata.

Ogni funzionalità è preceduta dalla scansione del terminale, che può richiedere diversi minuti in base al quantitativo di memoria presente/occupata. iMyFone Umate Pro, infatti, non si limita a leggere in maniera superficiale il contenuto del terminale, ma offre l’accesso dettagliato a messaggi, note, registro chiamate e molti altri elementi presenti nello smartphone/tablet, tra cui anche quelli già cancellati. Vi ricordiamo che, al momento della prova, il programma è perfettamente compatibile con l’ultima release ufficiale di iOS, quindi la 10.3.2, mentre il supporto non è ancora perfetto su iOS 11.


Ogni impostazione di eliminazione consente di accedere in maniera dettagliata al contenuto che si sta per cancellare, in modo da avere un’anteprima dei file che verranno rimossi dal terminale. Ma non solo eliminazione, dal momento che il programma permette anche di effettuare un backup o il trasferimento degli stessi sul PC utilizzato, in modo da poter rimuovere i file dal dispositivo senza doversi preoccupare di averli persi in maniera definitiva. In generale segnaliamo che tutte le funzionalità di iMyFone Umate Pro non avvengono certo in maniera fulminea, quindi è necessario dotarsi di pazienza, tuttavia è questo il prezzo da pagare (oltre alla licenza!) per procedere ad una cancellazione sicura e definitiva.

Ma come funziona esattamente iMyFone Umate Pro e perché il sistema di cancellazione viene dichiarato come definitivo? In sostanza, il programma offre la possibilità di cancellare i file e i dati selezionati attraverso una procedura di riscrittura dei dati, la quale vanifica ogni operazione di recupero delle informazioni. Ogni volta che si procede all’eliminazione di dati personali, il programma richiede che questa venga confermata scrivendo la parola Elimina nel box dedicato, in modo da impedire cancellazioni involontarie.

Oltre a ciò, la finestra di dialogo offre la possibilità di modificare il livello di profondità della cancellazione, scegliendo tra 3 diverse impostazioni. La più semplice permette di sovrascrivere i dati da eliminare con una serie di zeri, processo che verrà effettuato una sola volta. La seconda modalità, ovvero quella media attiva di default, sovrascrive i dati con alcuni file spazzatura, sempre una volta sola, in modo da confondere qualunque tentativo di recupero. Per finire troviamo la modalità più avanzata, caldamente consigliata vista la natura del programma, la quale effettua il processo di scrittura per ben 3 volte. Questa adotta lo standard di sicurezza US DoD 5220.22-M e garantisce un elevato livello di protezione dei dati, praticamente impossibili da recuperare.


iMyFone Umate Pro è disponibile al download in versione di prova tramite il sito ufficiale, tuttavia sarà necessario acquistare una licenza per poter accedere a tutte le funzionalità, come evidenziato in apertura. Al momento, è possibile acquistarne una al costo promozionale di 19.95$, rispetto ai 49.95$ di listino. Sono presenti anche altri due tipi di licenza: una famiglia, sino a 5 dispositivi, al costo di 29.95$ e una illimitata proposta a 199.95$. Di seguito potete trovare i link diretti per le versioni Windows o macOS.

Bordi Edge e potenza ma con risparmio garantito? Samsung Galaxy S6 edge, compralo al miglior prezzo da Amazon a 378 euro.

45

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Miocardio

immagino che per fare più soldi avranno fatto il software per rinominare poi un altro per copiare è un altro per il restore.

takaya todoroki

sì dovrebbe essere come dici (push è il contrario di poll), ma non capisco come faccia a passare due router in cascata entrambi nattati, mah...

ErCipolla

Non sono molto esperto di iOS, ma se funziona similmente a come funziona su Android (suppongo sia così) è il framework di sistema che gestisce l'arrivo delle notifiche e le instrada alle varie app.

L'app Amazon, probabilmente al primo avvio, si è "registrata" presso il servizio di notifiche push di Apple (o servizio di terze parti, tipo FireBase di Google o altri) per ricevere le notifiche push a lei destinate.

Quando i server Amazon vogliono mandarti una notifica, chiedono ai server che gestiscono il servizio di push notification di inviarla, questi la mandano al tuo telefono ed è il sistema stesso, quando la riceve, a filtrarla e mandarla all'app amazon quando arriva... almeno, questo se non ricordo male è il meccanismo. Non penso che l'app amazon stia facendo polling periodico in background, questo è il succo del discorso

benzo

Semplicemente non si può.

KenZen

Stai tranquillo che c'è chi sarebbe in grado di recuperarli.
Saluti

KenZen

Quelli che non vengono sovrascritti, potenzialmente possono essere recuperati.
Saluti

B!G Ph4Rm4

Sono totalmente inaccessibili?
E chi te l'ha detto che l'enclave è totalmente inaccessibile?
Ha una schermatura di piombo massiccio?
Ha un sistema di distruzione del chip in caso di apertura?
Perchè senno è accessibile come qualsiasi altro chip.

Ovvio che non ti ci entra l'hackerozzo dilettante che segue i corsi su YouTube, ma non stiamo neanche parlando di fantascienza.

E comunque non servono nemmeno i dati dell'enclave, sono sufficienti i dati contenuti nella memoria del telefono.

O i bug. Ogni software ha bug, le falle zero-day di iOs si trovano su internet da poche fino a decine di migliaia di dollari.

Callea

I dati presenti dentro l'enclave sono totalmente inaccessibili.
Non so dove tu possa aver letto il contrario, probabilmente hai letto una bufala.

B!G Ph4Rm4

I dati contenuti all'interno dell'enclave (mi pare si chiami così) possono essere copiati smontando il device ed accedendovi con dell'hardware che si trova su internet per pochi soldi.
Una volta in possesso della chiave si possono utilizzare delle tecniche di decrittaggio per ottenere il testo in chiaro (ovvero i dati dell'utente).

E' un procedimento lungo e che richiede competenza, ma fattibile se i dati contenuti sono importanti.

E comunque qui si sta parlando di una situazione ideale, quella nella quale non ci sono bug software che compromettano la sicurezza.

Secondo te come sono entrati nell'iPhone di San Bernardino?

takaya todoroki

no scusa: l'IP non è pubblico, sono il lan e ho NAT senza redirect.
l'Ip del mio ipad è virtualmente irraggiungibile dall'esterno.
E anche se fosse sarebbe necessario un servizio attivo apposta per l'app amazon (che è 'chiusa').

la notifica push arriva perchè in realtà è il client (cioè il mio iPad) a chiederla al server e non viceversa.
E questo prevede che c isia un task ordinato dall'app amazon che informa l'OS, dicendogli ogni quanto farlo e cosa risvegliare in base alla risposta.
Ecco, banalmente io NON voglio che si risvegli NESSUNA app a meno che io volontariamente e consapevolmente l'abbia aperta.

takaya todoroki

non è quello che ho chiesto, scusa.

The_Th

è più affidabile di questo?
https://uploads.disquscdn.c...

ghost

Allora mi scuso

Ma22

Ma. Non mi fido di questi programmi. Preferisco fare il reset piu volte

Callea

Il punto è che la chiave di codifica dei dati non dipende unicamente dal pin, ma anche da una chiave hardware del dispositivo che non è in alcun modo estraibile, nemmeno da Apple stessa.

Ne consegue che un attacco brute force è praticamente impossibile a meno che non possa aspettare migliaia di anni.

B!G Ph4Rm4

Ok, se l'iPhone è inizializzato non sono sicuro se sia possibile risalire alla chiave utilizzando il PIN dell'utente.
Ma anche senza PIN si possono provare delle tecniche per risalire alla chiave utilizzata per criptare il dispositivo.
Il criptaggio è solo pseudocasuale (ovvero si cerca di utilizzare tecniche di criptaggio che siano il più possibile casuali, ma che in realtà non lo sono perchè le posizioni dei bit sono calcolati utilizzando formule matematiche definite)

Callea

Guarda che parliamo di un iPhone inizializzato.
Col pin non ci fai più nulla.

B!G Ph4Rm4

La chiave crittografica è generata univocamente (almeno in teoria) ed è legata al PIN generato dall'utente.
Basta conoscere il PIN dell'utente ed il telefono magicamente si sblocca.

Callea

Ti pare così semplice eh...
In realtà la chiave crittografica di un iPhone è una cosa molto più complessa e legata all'hardware.

B!G Ph4Rm4

Per provare la password a 4 numeri ci vogliono poche ore.

Callea

Con brute force forse tra qualche secolo riusciranno a decriptarli.

B!G Ph4Rm4

Si possono comunque estrarre con un Brute Force od altre tecniche di decriptaggio, inoltre la sequenza generata non è casuale ma pseudocasuale e potrebbe far risalire alla chiave utilizzata e quindi al testo in chiaro.

Callea

I dati criptati restano, ma senza la chiave non sono nulla di più di una sequenza casuale senza senso.

B!G Ph4Rm4

I file si possono estrarre a tentativi immettendo il codice di sicurezza del telefono, inoltre se non ricordo male i file vengono criptati solo nel momento in cui non si inserisce la password dopo un tot, quindi sono comunque accessibili.

fabrynet

In pratica a livello hardware rimangono i dati ma senza chiave crittografica sono illeggibili. Quindi è come se non ci fossero.

ale2882

Ragazzi scusate OT: meglio Sony Xperia X o Huawei Nova? Thanks...

Rhakekel

Che dati restano?

Rhakekel

Infatti

Callea

Come già detto l'alternativa gratis esiste:

Impostazioni/Generali/Ripristina/Inizializza contenuto e impostazioni

Questa operazione che si fa obbligatoriamente ogni volta in cui si vende un iPhone distrugge la chiave crittografica e quindi rende irrecuperabili in modo irreversibile tutti i dati.

Nemmeno se l'FBI spendesse 100 milioni di dollari riuscirebbe a recuperarli.

Callea

Falso.
Basta una normale inizializzazione, la chiave crittografica viene distrutta e tutti i dati sono irrimediabilmente perduti.

Callea

Non è necessario nemmeno quello.
Basta inizializzare normalmente e tutti i dati vanno irrimediabilmente perduti.

Callea

Le notifiche sono un task di sistema non hanno nulla a che vedere con l'esecuzione dell'app.

Gentleman.Driver

Vale veramente il prezzo che costa? cioè non ci sono alternative gratis o ha prezzo minore?

Callea

L' app più inutili del mondo.
iPhone utilizza una chiave crittografia che viene distrutta nel momento in cui si inizializza prima di venderlo.

Distrutta la chiave in un picosecondo tutto il contenuto di un iPhone diviene assolutamente irrecuperabile.

Non c'è bisogno di fare nient'altro.

ErCipolla

Non è l'app che si attiva "di testa sua", in realtà si attiva in risposta a una cosiddetta "notifica push" che arriva dai server Amazon. Insomma, la richiesta non parte dal tuo terminale, bensì arriva dall'esterno. Se proprio non vuoi vederla, disattiva le notifiche.

Nathan153

Da come l'hai detto, sembra che sia un difetto e io ti ho spiegato che non è un difetto ma lo scopo del programma.

Francesco Sorge

La modalità di cancellazione più profonda usa un protocollo del Dipartimento della Difesa americano

ghost

E io che ho detto SENZA formattazione veloce

Nathan153

Non è questo l'biettivo del programma, con la formattazione veloce i dati potrebbero essere recuperati. Invece questo tool sovrascrive i dati rendendo impossibile recuperarli.

CAIO MARIOZ

Mi sembra che il sistema di notifiche push di iOS per le app sia esternalizzato, quindi non dipende dalle app, per consumare meno energia e dati.
Quindi non credo si possa chiudere il push senza disattivare le notifiche.
Però è da tanto che non mi informo su quel particolare, quindi non so di preciso se sia uguale in iOS 10.

takaya todoroki

semi OT.
Qualcuno mi spiega come evitare che in IOS un'app rimanga in background attiva e riceva eventi?

ES:
-Ho l'app amazon installata e collegata al mio account
-NON l'ho lanciata
-NON è presente nell'elenco delle app attive
-Ho configurato da sistema il 'background app refresh' da sistema in modo che sia disabilitato.

Nonostante tutto ciò, quando mi spediscono un ordine, ecco che appare la notifica.
So che posso disabilitare le notifiche, ma il mio scopo è fare in modo che se io ho un'app chiusa non possa attivarsi nè usare la mia rete internet.
Le app che voglio facciano qualcosa le apro io, volontariamente, non devono fare di testa loro.

KenZen

Non cancella completamente i dati.
Saluti

Rhakekel

Ma un ripristino in dfu no? È gratis.

Giorgio

Mohammed Islam Jalel aka Petardo Pazzo ha messo like!

ghost

20 euro per formattare il telefono senza la spunta "formattazione veloce" xD

Recensione Apple iPad PRO 10.5: è il tablet più potente

iPhone: 10 anni fa debuttava lo smartphone che ha cambiato il mondo

iOS 11 di Apple, tutte le principali novità su iPhone e su iPad | Video

iMac Pro 18 CORE e iPad da 512GB. Tutte le novità del WWDC 2017 | Video