Nuovi iPad Pro più potenti dei MacBook Pro 13" in campo grafico | Benchmark

15 Giugno 2017 15

I nuovi iPad Pro da 10.5" e da 12.9" sono dispositivi estremamente potenti, spesso pubblicizzati da Apple come veri e propri strumenti alternativi ai classici computer. Potremmo stare ore a discutere di cosa sia effettivamente un computer, di quali compiti questi debbano svolgere per poter essere definiti tali e di quali siano gli ambiti di utilizzo più comuni di un PC.

Una cosa però è certa: iOS 11 si prepara a rinnovare completamente l'esperienza d'uso su iPad, rendendola molto più simile a quella di un dispositivo macOS, anche se vi è ancora un ampio margine di miglioramento. Se quindi, lato software, la strada intrapresa sembra andare nella giusta direzione, c'è un aspetto in cui i nuovi iPad Pro hanno già raggiunto gran parte dei computer in circolazione: la potenza bruta.

I nuovi iPad Pro, in entrambe le varianti, sono equipaggiati con un SoC A10X Fusion dual Tri core (i due cluster Tri core non possono essere attivi contemporaneamente), in grado di ottenere punteggi impressionanti nei primi benchmark relativi alla CPU, 4GB di memoria RAM e una GPU in grado di rivaleggiare con quella presente all'interno degli ultimi SoC realizzati da Intel.

A conferma di queste dichiarazioni, arrivano una serie di test svolti dal blog BareFeast, che ha messo a confronto due generazioni di iPad Pro, sia gli attuali 10.5/12.9 che i precedenti 9.7/12.9, con due MacBook Pro Retina da 13", uno in versione 2017, equipaggiato con processore Intel i7 dual core da 3.5GHz, GPU Intel Iris Plus 650, 16GB di RAM LPDDR3 2133MHz e un SSD da 1TB, e uno in versione 2016, con la medesima in configurazione di RAM e memoria interna ma un chip Intel i7 dual core da 3.1GHz e GPU Iris Plus 550.

I benchmark utilizzati sono stati due, GeekBench 4 e GFXBench. Il primo ha permesso di testare le prestazioni della CPU e, grazie al nuovo test, della GPU, mentre il secondo è esclusivamente relativo all'aspetto grafico. Di seguito i primi risultati, ovvero quelli relativi alle performance Single e Multi core delle CPU di tutte e 6 le macchine esaminate.


I risultati in Single core vedono il MBPR 2017 in testa, grazie ai suoi 4650 punti, seguito a ruota dal modello 2016 con 4417 punti. Subito dietro troviamo i due iPad Pro 2017, sostanzialmente pari con 3950/20 punti, mentre in fondo alla classifica troviamo gli iPad Pro 2015/6, con il modello da 12.9" che ottiene 3081 punti e il modello da 9.7" che chiude la tabella con un punteggio di 3007. Questo primo test ci mostra una gerarchia in linea con quelle che sono le aspettative, tuttavia è importante notare come i punteggi di iPad Pro siano aumentati del 30% nel corso di una sola generazione, mentre nel caso dei MacBook Pro l'incremento sia solo del 5%.

I risultati cominciano ad essere molto più interessanti se si passa ad osservare i punteggi Multi core. Il MBPR 2017 continua a dominare la classifica con 10261 punti, tuttavia alla sue spalle non vi è più la variante 2016, bensì i nuovi iPad Pro 2017, con 9332 punti per il 10.5" e 9220 per il 12.9". Questa volta il MBPR 2016 arriva al quarto posto, con 8509 punti, mentre i due iPad Pro 2015/6 si fermano rispettivamente a 5199 e 5088 punti.

I nuovi iPad Pro superano il punteggio del MBPR 2016, avvicinandosi notevolmente alla variante 2017. Estremamente notevole l'incremento di prestazioni nel corso di una sola generazione: grazie al passaggio ad una CPU Tri Core, i nuovi Pro riescono a guadagnare circa l'80% rispetto ai propri predecessori.


Se quindi, sino ad ora i punteggi hanno sempre premiato la categoria MacBook, almeno per quanto riguarda la prima posizione, passando all'analisi delle prestazioni della GPU otteniamo risultati del tutto inattesi. I nuovi iPad Pro 2017 raggiungono il punteggio ottenuto dai MacBook all'interno del test Metal GPU di GeekBench 4, con iPad Pro 10.5" in testa alla classifica con 27814 punti, seguito da MBPR 2016, 27631 punti, iPad Pro 12.9", 27597 punti e da MBPR 2017 con 26353 punti. Quest'ultimo punteggio appare decisamente strano e potrebbe essere il frutto di qualche mancata ottimizzazione che non permetta alla GPU di esprimere il suo reale potenziale in questo test, quindi il riferimento principale va alla generazione 2016 di MacBook Pro.

I precedenti iPad Pro si fermano a 14955 punti, nella variante 12.9" e a 15520 punti per quella da 9.7". Anche in questo caso l'incremento è sorprendente, considerata la già ottima GPU presente su A9X; il nuovo A10X Fusion è in grado di portare a casa punteggi superiori dell'80% anche in questo campo.

Le ultime due tabelle sono relative a GFXBench e ai suoi due test Metal Manhattan e Metal T-Rex, entrambi eseguiti in modalità 1080p Offscreen. In questo caso il vantaggio dei nuovi iPad Pro è ancora più evidente e segna un distacco netto anche nei confronti dei due MacBook Pro. Il test T-Rex ci offre quindi 219 e 215 FPS (12.9" e 10.5") per gli iPad Pro 2017, 199 FPS per entrambi i MBPR, 163 FPS per iPad Pro 12.9" 2015 e 120 FPS per iPad Pro 9.7". Passando a Manhattan, abbiamo 44 e 42 FPS (12.9" e 10.5") per i nuovi iPad Pro, 37 e 37 FPS per i MBPR (2017 e 2016), 33 FPS su iPad Pro 12.9" 2015 e 26 FPS per iPad Pro 9.7".


Concludiamo questo confronto con un commento finale. I benchmark, come al solito, non ci dicono tutta la verità su un determinato prodotto, tuttavia ci offrono un interessante termine di paragone che permette di confrontare il livello di prestazioni ottenuto da un determinato hardware nello svolgere determinati compiti. Questo non vuol dire che, in assoluto, A10X Fusion sia al livello di un chip Intel i7, ma che la sua resa sia quanto meno paragonabile in alcuni ambiti.

D'altronde i benchmark multipiattaforma hanno proprio questo scopo, ovvero quello di presentarci degli scenari quanto più comuni possibili per stabilire una proporzione delle prestazioni abbastanza affidabile, anche se questa non è in grado di stimare tutte le potenzialità del singolo chip. In ogni caso, questa generazione di iPad ci mostra come Apple sia in grado di proporre dei SoC mobile in grado di rappresentare una valida alternativa alle soluzioni Intel attualmente in commercio, almeno per quanto riguarda alcuni prodotti come il MacBook 12.

I nuovi iPad Pro, sebbene siano equipaggiati con i SoC mobile più potenti del mercato, trovano in iOS la principale limitazione che gli impedisce di emergere come prodotti completi e autonomi a 360°, in grado di sostituire completamente il bisogno di possedere un PC. Le novità di iOS 11, come detto in apertura, indicano la nuova strada che Apple intende percorrere nel campo dei tablet: ora non ci resta che attendere il suo debutto ufficiale per poter valutare l'effettivo impatto nella produttività in mobilità.

Il più piccolo top gamma 2016 che accontenta tutti? Samsung Galaxy S7 è in offerta oggi su a 350 euro oppure da Amazon a 447 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

si vabbè..ora facciamo filosofia... la parola potenza dei applicarla al contesto, che nel caso di pc e simili si capisce bene sia inteso nei termini di prestazioni, di potenza di calcolo... io per esempio per editare foto anche di molti mpx, unirle etc, ho bisogno di un computer potente (ottima cpu, ssd, molta ram, etc) che un tablet non può avere...

per mobilità puoi intendere quello che vuoi...io lo considero come lo stare in piedi a camminare..se poi commini dentro un ufficio o un capannone o in una città è uguale perchè non puoi stare fermo seduto in una postazione.

per l'uso ce dicevi farne tu non credo che il surface possa essere messo male...spiegami il perchè se vuoi, ma l'unica cosa negativa potrebbe solo essere il maggiore spessore e peso eventualmente

Saccente
è normale che se lavori in mobilità e non hai bisogno di potenza un tablet è migliore...

Su questa semplice frase faccio due riflessioni.
1) Se lavoro in un ambiente di 200 metri quadrati muovendomi di continuo, sto lavorando in mobilità? E se i metri quadrati sono 2.000?
2) Cos'è la "potenza"? La parola deriva da "potente", ovvero che "ha grande potere". Da questo punto di vista, uno smartphone o un tablet è decisamente più potente di un qualsiasi PC. Soprattutto rende le persone molto più potenti.

ma poi comunque esistono anche tablet con windows..

Si, dal 2001.

e alcuni sono ottimi (surface)...

Surface come tablet sta messo peggio di Android. Come laptop per la scrivania (scusa per la contraddizione in termini) va benissimo (per quanto un PC con Windows possa andar "bene"), col suo mouse e tastiera.

Roberto

è normale che se lavori in mobilità e non hai bisogno di potenza un tablet è migliore...ma poi comunque esistono anche tablet con windows..e alcuni sono ottimi (surface)...

Roberto

il tempo degli slogan non è mai finito.... io, e mi sembra di averlo scritto, intendevo che un tablet non può sostituire un pc per molte cose, tipo dove devi avere mille pagine e applicazioni aperte contemporaneamente o dove c'è bisogno di pura potenza di calcolo..

per il discorso pagine web che si ricaricano, forse adesso che avranno aumentato leggermente la memoria succederà dopo un po più di tempo, ma succede comunque...io lo uso poco ipad e iphone , ma ogni volta che li uso/usavo trovavo sempre varie limitazioni...e se già le trovavo usandoli poco, mi immagino usandoli costantemente...

Saccente
1)dimmi cosa fai su un ipad che invece non si può fare su un tablet android...e ti prego non mi citare garageband!

Personalmente sviluppo soluzioni business e industriali basate su FileMaker. Per Android manca il motore del database. Garageband è una figata spaziale che Android può sognarsi. Tra l'altro il "vero multitasking" di Android rema in direzione contraria ad un ipotetico sviluppo di qualcosa di simile.

2)anche se hai 30 pagine aperti hai solo i collegamenti delle pagine aperte...ogni volta che li apri la pagina si ricarica, e nel farlo ti si chiude un altra pagina che se vorrai rivedere dovrai per forza ricaricare.. su pc che ormai possono avere 16 gb come standard, no! trovami un tablet con più di 4 gb di ram...

Nemmeno con 60 pagine, accade questo, Forse ti riferisci ai dispositivi di alcuni anni fa', che avevano solo 1 GB di RAM.

un tablet al giorno d'oggi può sostituire un pc solo nelle cose basilari...è anche vero che un tablet non può sostituire un pc se devi stare sul divano a leggere qualcosa

Sei totalmente fuori strada. Il PC è sempre più tagliato fuori da molti utilizzi.
Facciamo un esempio: sei un responsabile di produzione che sta girando per lo stabilimento presso le varie macchine, per controllare. Un tempo avresti avuto in mano una tavoletta portablocco e relativa penna. Oggi puoi avere un tablet, che mostra i dati inerenti la macchina che ti sta davanti, grazie ai tag Bluetooth disposti all'interno dello stabilimento. Se occorre puoi leggere codici a barre apposti sui materiali/prodotti finiti. Preferiresti andare in giro con un laptop su un braccio e la penna ottica in mano?
Il problema è che voi studenti non avete ancora idea del mondo del lavoro, pensate che lavoro=ufficio=office. Invece esistono migliaia di tipi di lavoro, in cui il tablet entra a piede teso.

Saccente
senza neanche andare a guardare il numero di app, se per tablet android le applicazioni si regolano di conseguenza, non vuol dire mica che non vanno bene per tablet...

Invece non vanno bene, perché per un dispositivo da 4-5 pollici si progetta una interfaccia specifica per tale misura. Un simile interfaccia non ha alcun senso su un tablet. Android e iOS non hanno alcun merito o demerito: sono gli sviluppatori che hanno meriti o demeriti a seconda di quante interfacce sviluppano in base alle diverse misure dei display. Più ne fanno, più sono meritevoli. Per Android gli sviluppatori non hanno sviluppato le versioni per tablet, probabilmente perché già si guadagna poco con quelle per smartphone, visto l'esiguo numero di utenti che acquista app, figuriamoci nel mercato tablet che è una minuscola frazione del mercato smartphone.

ma capisco che gli slogan apple sono molto forti

Il tempo degli slogan è finito da un pezzo, siamo all'ottava generazione con quasi un milione di app specificatamente progettate per questo dispositivo.

Roberto

senza neanche andare a guardare il numero di app, se per tablet android le applicazioni si regolano di conseguenza, non vuol dire mica che non vanno bene per tablet... magari la maggior parte delle applicazioni sviluppata per ipad, è stata sviluppata allo stesso modo di quella per smartphone ma con la sola differenza della risoluzione per non avere le bande nere ai bordi con lo zoom 2x.... se queste cose vengono fatte in automatico per android dovrebbe essere solo un merito per il sistema android, e non per quello apple..ma capisco che gli slogan apple sono molto forti.......................

Saccente
instagram..una delle applicazioni più popolari al mondo, che non esiste in versione per tablet...

Se leggi qualcosa su Wikipedia capisci il perché. Del resto a Zuckerberg non mancano certo i soldi per realizzare la versione "universal" dell'attuale app.

.e poi la gente racconta della applicazioni sviluppate per ipad che non ci sono su tablet android!

Per Android sono state sviluppate qualche centinaio di app per tablet. In AppStore, in questo momento, sono presenti 928.167 app per iPad. Un confronto improponibile.

Roberto

instagram..una delle applicazioni più popolari al mondo, che non esiste in versione per tablet... e io non uso quasi per niente ipad...chissà magari quante altre ce ne sono così...e poi la gente racconta della applicazioni sviluppate per ipad che non ci sono su tablet android!..ma va! sempre più convinto che la gente si fa infinocchiare fin tropo dagli slogan!

Saccente

Così vanno le app progettate per il solo iPhone. Evidentemente Zuckerberg concorda con il fondatore di Instagram: è una applicazione per smartphone.

Roberto

a proposito della indiscussa superiorità di ipad..per caso ho aperto istagram in un ipad air ed ho visto che c'era la finestrella piccolissimma della applicazione con possibilità di fare lo zoom x2 con immagine leggermente sgranata e qualche centimetro comunque di bordi neri attorno al display....cioè ma dai! ma seriamente???

77fabio

Il 10.5 avendo meno pixel da gestire non è penalizzato ma avvantaggiato, lo si vede anche dai benchmark, il 13 risulta leggermente più lento proprio perchè, avendo lo stesso identico processore, deve gestire più pixel. Quindi vai tranquillo, il 10.5 non è per niente penalizzato, anzi...

Julian Ajazi

Su questo non ci sono dubbi ma io parlavo di potenza di calcolo. Il 20% in più del core i7-6700k@4.2GHz mi sembrano fin troppo pochi rispetto al processore dell'iPad.

Francesco

Il Pc desktop è diverso da un tablet da 0.9 kg con 10 ore di autonomia.

yammocaccadiblog2

E chi ha detto che ci credo. SO solo che ti brucia e mi chiedo perché

Recensione Apple iPad PRO 10.5: è il tablet più potente

iPhone: 10 anni fa debuttava lo smartphone che ha cambiato il mondo

iOS 11 di Apple, tutte le principali novità su iPhone e su iPad | Video

iMac Pro 18 CORE e iPad da 512GB. Tutte le novità del WWDC 2017 | Video