Apple avvierà la produzione di iPhone in India da aprile | Rumor

30 Dicembre 2016 74

Mentre è ancora in forse l'ipotesi dello spostamento dall'Asia agli Stati Uniti dell'ecosistema di partner di Apple per la produzione degli iDevice, emergono nuovi indizi su un'ulteriore possibile modifica all'attuale filiera produttiva della casa di Cupertino. Un nuovo report proveniente dal Times of India fa riferimento all'avvio della produzione degli iPhone in India a partire dall'aprile 2017. Un'indiscrezione avvalorata dalla pubblicazione di diversi annunci di lavoro nel sito ufficiale di Apple.

Per dare il via alla produzione, Apple potrebbe ampliare i partner OEM, affiancando a Foxconn e Pegatron anche Winstron. L'azienda taiwanese, secondo il report, attiverà un impianto produttivo a Bangalore, presso Peenya, l'hub industriale della città indiana. Anche Foxconn sarà presente in India con un nuovo impianto produttivo, che, tuttavia, non sarà dedicato esclusivamente alla produzione di iDevice: anche altri importanti brand come Xiaomi e OnePlus potrebbero produrre i propri terminali servendosi del la medesima struttura.

Al di là del report che - come ogni indiscrezione non confermata - non rappresenta una prova inoppugnabile, gli annunci di lavoro presenti nel sito di Apple lasciano pochi spazi a dubbi sull'effettiva volontà di avviare la produzione di iPhone nel popoloso continente asiatico: la casa di Cuperinto, infatti, è in cerca di molteplici figure professionali da impiegare a Bangalore, tra le quali non manca un iPhone Operations Manager. Nella descrizione delle competenze richieste per curare la nuova linea di prodotti Apple si fa riferimento, tra l'altro, alla guida del team OEM e ad un'attività lavorativa che si svolgerà a stretto contatto con fornitori, ingegneri al fin di garantire la disponibilità dei singoli componenti e la realizzazione del prodotto finale.

In termini pratici, spostare parte della produzione degli iPhone in India potrebbe voler dire per Apple avere la possibilità di proporli ad un prezzo più competitivo in un mercato che ha tuttora molti margini di crescita da sfruttare. Infatti, non si tratterà più di prodotti importati e, come tali, soggetti alla specifica tassazione. Il riferimento ad un avvio della produzione previsto per la primavera 2017, in linea teorica, è compatibile con il lancio di iPhone 8 previsto per l'autunno successivo.

Il compatto che non vuole arrendersi dalle ottime caratteristiche? Sony Xperia Z3 Compact, in offerta oggi da Tiger Shop a 275 euro oppure da Amazon a 364 euro.

74

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
CAIO MARI

No l'India si sta sviluppando molto

Hallvaldur

La Cina è un problema nella misura in cui noi (e con noi dico i singoli stati europei e l'UE... e quindi visto che "io non sono Stato" dovrei dire LORO) lo hanno fatto divenire un problema ergo una SCUSA... esattamente come rendere paesi come irlanda, olanda e inghilterra dei paradisi fiscali quando sono comunque ben distanti dai paesi caraibici ma anche da certi paesi europei che sono degli inferni fiscali in cui la contribuzione in base alla capacità contributiva è un mero ritornello lungi dal tradursi in realtà... la Cina sta avanzando per due motivi: grande capacità (il passo di sviluppo tecnologico "imposto" dai suoi governi è innegabile) e l'insensibilitá (ambientale ed umana che ovviamente non è una cosa positiva), vedremo dove li porterà, vedremo se ad un certo punto evolveranno in qualcosa di migliore, però quello che ormai è chiaro è che il modello di sviluppo europeo è un avvitamento su se stessi che non può che portare al declino...

Francesco

Commento gentista, paesi protezionisti come india e brasile sono con le pezze al cul0

Francesco

Esisteva addirittura un team?

ghost

Bisogna essere un po' ottimisti xD

Gios

Vai a presentare un brevetto e ti dicono:
Se non hai un pool di legali non depositarlo tanto le grandi aziende usano il tuo brevetto non ti pagano e tu puoi fargli solo causa..... e senza soldi trascini Samsung/Apple/IBM/FCA/BMW etcet in tribunale in ogni paese del mondo?

B!G Ph4Rm4

Ecco allora qualche idea in comune ce l'abbiamo, anche se io non sostengo affatto Trump e tu sì.
Probabilmente alcuni lavori saranno fatti da più persone, come ad esempio il commercialista.
Il problema principale è che le qualifiche devono essere aumentate già da adesso per la prossima generazione di lavoratori, bisognerà far studiare le generazioni future fino all'università, nessuno escluso o quasi. In questo modo ci si specializzerà sempre di più, andando a competere con i paesi che puntano a prodotti di scarsa qualità, ma venduti in quantità. E qui purtroppo noi italiani siamo molto ma molto indietro (indice di istruzione molto basso rispetto ad altri).
In questa fase di transizione vedo anche con favore un aumento delle qualifiche per quei lavoratori (operai) molto specializzati, che sono il nostro (come per altri paesi) fiore all'occhiello.

Ritengo che dei forti ammortizzatori sociali saranno comunque necessari per affrontare questa situazione.

Comunque la ricetta per adesso ancora non ce l'ha nessuno e questo mi preoccupa non poco. Proprio poco fa su HDBlog è stata messa la notizia che 40.000 robot andranno a sostituire chissà quanti operai delle fabbriche Foxconn. E' un futuro molto complesso, non c'è che dire.

CAIO MARI

In costante calo anno dopo anno, con iPhone 4 Apple si prendeva il 60%, ora il 39% scarso,
alla fine di utile netto le resta il 22%,
cioè su 220 miliardi di fatturato annuale un utile annuale di 50 miliardi circa

Matteo

Ho scritto 225$ come costi di produzione (in senso stretto del termine) e poi ho specificato che togliendo marketing sviluppo e ricerca ad Apple resta un 40%.

CAIO MARI

Quelle stime trovano conferma nelle trimestrali di Apple, i 200$ no, altrimenti Apple dovrebbe guadagnare 3 volte quello che guadagna ora, cioè al posto di 50 miliardi all'anno dovrebbe guadagnare 150 miliardi.

Desmond Hume

oltre che dalla Cina dobbiamo guardarci le spalle da gentaglia simile.

Desmond Hume

Mi sembra che invece qualche soluzione l'ho accennata come la detassazione del costo del lavoro e appunto la lotta al elusione fiscale.
Il problema non è Apple ma la stessa Irlanda e altri paradisi fiscali Europei, ne abbiamo diversi.
È vero bisogna spingere sulla riqualificazione del personale ma non si può fare tutti lavori di un certo tipo.
Se non avessi pratiche commerciali, fatture e vari redditi da gestire che bisogno avresti di un professionista specializzato quale può essere ad esempio il tuo commercialista? Se ce ne fossero una marea come riuscirebbero a campare?

I lavoratori a basso reddito (possibilmente dignitoso) sono la forza trainante del economia e pertanto vanno tutelati.

B!G Ph4Rm4

Ho capito ma continui a parlarmi del problema, non delle soluzioni che si dovrebbero adottare (fermo restando che nessuno in questo momento, di qualsiasi colore, sa come affrontare la situazione).
Neanche io sono totalmente d'accordo sul reddito di cittadinanza, per come lo propongono i 5 Stelle.
Però si dovranno utilizzare degli ammortizzatori sociali per forza di cose. Il lavoro non ci sarà per tutti, almeno nel breve/medio periodo.
La tassazione andrebbe fatta bene ed in maniera efficace (ad esempio facendo degli accordi con quegli stati dove vengono spostati centinaia di MLD dai più ricchi).
Oppure tassando per bene aziende come Apple che pagano la vergognosa cifra dell'1% in Irlanda.
Qui c'è da far capire che le tasse SUI CAPITALI grossi (quindi patrimoni enormi, ecc)le pagano tutti. Se guadagni 500 MLN all'anno paghi le tasse giuste e più alte. Senza paradisi fiscali o sconti o sconticini.
Inoltre bisogna investire sulle nuove tecnologie e sulla riqualificazione dei lavoratori che rischiano di essere tagliati fuori dall'innovazione.

LucaP

però quando poi si faranno saltare in aria non meravigliatevi, al loro posto anche io lo farei forse...

SteDS

Juncker... che scandalo vivente. Bacchetta giorno si giorno si gli stati della UE quando proprio lui è uno dei fautori del disastro dei paradisi fiscali

Desmond Hume

A rega. È chiaro che chi fa un lavoro qualificato ne risente meno ma non si può fare tutti il consulente finanziario o il dentista.
Il reddito di cittadinanza, che fino ad un certo limite approvo con le dovute restrizioni, come lo crei se non hai chi ti versa i contributi xk non c'è lavoro?
Tu quando acquisti un telefono o un elettrodomestico in generale la paghi l'estensione di garanzia? la paghi una polizza sui danni accidentali? Paghi l'apple care?
Paghi una polizza sulla vita o di assistenza legale sugli acquisti? Oltre l'RCA paghi la Kasko e tutte le altre polizze accessorie? Quando ti acquisti un viaggio, fai anche la polizza sul biglietto/pernottamento/spese mediche?

E se si perché lo fai? Perché ti sembra una copertura interessante e te la puoi permettere.
E se avessi a malapena i soldi per l'elettrodomestico rinunceresti ad acquistarlo perché non hai i soldi per la polizza oppure lo compreresti lo stesso perché ne hai bisogno?

Certi servizi esistono solo perché possiamo ancora permetterci di acquistare appunto cose di cui potremmo farne anche a meno ma che in qualche modo ci rendono migliore la vita.

B!G Ph4Rm4

L'idea sulla detassazione di produttività specializzate è un'ottima idea infatti.

simo

Cavoli stavo facendo un pensierino sul prossimo iphone ma mi toccherà aspettare altri 2 anni quando ci sarà un modello da 5 pollici oled

Aster

Anche nel elettronica sopratutto conosco aziende italiane che producono li

B!G Ph4Rm4

Il fatto importante da considerare secondo me è che non è così ovunque (parlo sempre degli USA).
E' vero che molte persone hanno difficoltà (molti di loro hanno votato Trump appunto) anche molto gravi.
Ma il punto è che ci sono milioni di persone in USA che guadagnano e anche bene (che fanno lavori più qualificati) e che non hanno patito dalla globalizzazione, anzi ci hanno guadagnato.
Il problema è che le persone più povere si sentono (giustamente) minacciate e tradite, il che è vero, la globalizzazione è stata eccessivamente veloce, e per questo è stato un relativamente grande un bagno di sangue per quelle fasce di popolazione.

Il punto è che comunque quei tipi di lavori sono a basso reddito (non pensare che se la Apple producesse gli schermi in USA pagherebbe ogni dipendente 3.000$ al mese, li pagherebbe 1200, 1500$, senza assistenza sanitaria quindi non risolveresti comunque il problema di arrivare a fine mese). E comunque prima o poi arriverebbero le macchine a sostituirli.

Secondo me la via migliore è la riqualificazione di quelle persone e l'uso di ammortizzatori sociali (esempio reddito di cittadinanza, ma non solo quello) per aiutarli durante la transizione.
Ad esempio mettere le tasse al 15% anche per i ricchi come vuole Trump (alla facciaccia delle fasce più deboli) è una follia. Chi guadagna di più deve aiutare le fasce più deboli ed indifese della popolazione, soprattutto in momenti di transizione come questi.

RectorSith

Ma le ha anche sfruttate, almeno negli scorsi dieci anni, ma troppa speculazione e basi industriali fallaci hanno fatto rompere il giochino. Poi ci si è messa la crisi del prezzo del petrolio, e conseguenti crisi della Petrobras, e da ultimo anche la corruzione (anche se su chi sia realmente coinvolto non mi esprimo). Insomma, da paese florido è ora un paese a rischio default con tensioni sociali veramente alte.

Roberto

Vero soprattutto nel tessile, i cinesi producono in Vietnam per contenere i costi.

Desmond Hume

Il problema del Brasile è costituito soprattutto dalla mentalità e dalla corruzione a tutti i livelli sociali fin dal piccolo delinquente al funzionario. Per il resto è un paese pieno di risorse che prima o poi sfrutterà a dovere.

RectorSith

è una visione molto ideale, in realtà l'imprenditore cerca di fare il proprio interesse (Cosi come il dipendente) e ovviamente non vede di buon occhio le tasse. Il discorso di Trump è stato molto semplice, meno tasse più lavoro (che poi negli USA la situazione è ben diversa che da noi, mi pare siano sul 5% di disoccupazione). Io sinceramente di un personaggio del genere, con la sua storia imprenditoriale, non mi fiderei molto. Vedremo.

The Dark Master

Ma scherzi? l'Italia ha sempre avuto l'export dei propri prodotti tra i suoi punti di forza! Basti pensare alle migliaia di manifatture chiuse, perché produrre in Cina costa meno! F4ncul0... Vuoi produrre in Cina? Paghi gli oneri import. Invece i nostri governi compiacenti hanno rovinato tutto! Saremmo potuti essere una superpotenza.

Ziothor-#1/1/17

Se lo facciamo in italia si va a gambe all'aria, non siamo gli stati uniti che hanno un mercato che attrae chiunque e nessuno vuole perderlo

Desmond Hume

Già. Ci si focalizza su falsi problemi.

ghost

Stavo generalizzando, con "interessi dell'America" intendevo come stato; se guadagna trumph come imprenditore, da i soldi delle tasse allo stato, all'America, che li investe per migliorare il paese

RectorSith

Direi che non funziona sto socialismo :)

RectorSith

Il Brasile è un paese in grande crisi da anni ormai (economica e di conseguenza, sociale), non lo porterei proprio come esempio. Il lavoro si detassa si, ma solo a chi investe per creare una produttività che, anche se più costosa, non può essere riprodotta in paesi come India e Cina.

Aster

E sempre stato cosi purtroppo dal schiavismo al feudalismo al medioevo alla rivoluzione industriale,se non si torna al socialismo ma lo provato e non e granché

Desmond Hume

Iniziamo a detassare il costo del lavoro. Non ho mica detto che ci dobbiamo a produrre qualcomm dal oggi al domani.

Detassiamo il lavoro interno e mettiamo dazi su chi importa senza fare almeno una parte della produzione da noi.

Lo fanno già nuove super potenze come il Brasile.

RectorSith

Aprire nuove centrali a carbone sarebbe fare gli interessi dei tuoi elettori? Mah può darsi, certo avrai qualche lavoro in più (pagato quanto?) ma non mi sembra un ponte per il futuro e nemmeno una grande idea.

Aster

Vale per tutte le aziende e tutti i paesi con un minimo di capacità,anche i angeli campi tipo vendi aerei o navi tutti contratti prima produzione in casa poi al estero con joint-venture

B!G Ph4Rm4

Ho letto, ovviamente i dati non sono sicuri al 100%, ma non è che sia andato lontano dalla reale quantità di guadagno su ogni unità.
La cosa certa è che ci guadagnano meno della metà (abbastanza meno) da ogni iPhone venduto.

RectorSith

Non credo nemmeno che nessun dipendente cerchi quel tipo di produttività (senza sicurezze, stipendi miseri, niente garanzie, etc) per il proprio paese

Desmond Hume

Partiamo dal presupposto che un paese in cui la gente non ha più lavoro o viene sottopagata (per far fronte ad una concorrenza sleale di paesi in cui non vengono rispettati i più semplici diritti umani) non ci saranno i soldi per comprare la roba anche se costa poco e per via della minor ricchezza sempre meno persone si potranno permettere servizi accessori tipo polizze ed altre caxxate.

Vorrei vedere

Matteo

Leggi sotto, sto contestando la sua sfrontata e infondata sicurezza.

Aster

Lascia stare non ce speranza,conosco aziende che fanno delocalizzazione e gente che diventa sempre più ricca e va avanti con stagisti in Italia e li trema la mano a pagare straordinari e asilo sbandierare la maternita pagata dal inps

Ettore

anche il team dello stonex one e di ciao im era indiano... costano poco e valgono ancora meno

Matteo

38,36% di guadagno sul modello base di 649$, su una STIMA di 400$ di costi di produzione.

Stime.

Sii preciso e corretto quando riporti i dati, non palesare sicurezze quando nessuno le ha.

B!G Ph4Rm4

iPhone venduti nel 2015: 231.500.000.
Utili per il 2015: 45 MLD.
Diciamo che di questi 45 MLD (quindi i famosi guadagni puri, quei soldi che se mettono in tasca), 40 MLD siano quelli derivanti da vendite di iPhone.
40 MLD divisi per 231 MLN di unità di iPhone viene 172 dollari ad unità, quindi in media Apple prende questa cifra su ogni iPhone venduto.
Facciamo finta che tutti i 45 MLD vengano da iPhone?
Sono 194 dollari ad unità, quindi circa la cifra che ha detto Joel, comunque la si calcoli. Non 10 volte tanto come scrivono alcuni.

Aster

Dopo Inghilterra versa 350 milioni di sterline al settiaman a UE, esercito comune UE, e la Turchia entra nel UE tutte in campagna elettorale prima di brexitqueste sono le bufale più grosse che ho video sul web:)

Aster

Chi vivrà vedrà i interessi dei "americani" dipende che classe sociale:) fin ora visto i ultimi accordi e contratti e rimasto uguale, finti posti di lavoro salvati e produzione messico

Aster

Ce già Vietnam per ora:)

RectorSith

Bancarottiere, prego.

fabrynet

Qualcosa di schifoso e qui ci scanniamo se è meglio Apple o Samsung. Invece di interessarci a questi problemi reali che ci stanno uccidendo.

RectorSith

Interessi degli imprenditori sarebbero interessi dei lavoratori? MMMMMMMMMMM

Joel

Vai a leggere il report del NYT di ieri

Luigi L

Una cosa del genere sarebbe 'impossibile' in Italia.
Non possiamo paragonarci agli Stati Uniti, al massimo puoi paragonare l'Europa, e non è la stessa cosa.

iOS 11 di Apple, tutte le principali novità su iPhone e su iPad | Video

iMac Pro 18 CORE e iPad da 512GB. Tutte le novità del WWDC 2017 | Video

Apple HomePod ufficiale: è l'altoparlante con Siri, ma snobba l'Italia

Apple presenta iPad Pro 10.5" e 12.9" con SoC A10 Fusion X | PREZZI ITALIA