Bill Gates dalla parte dell'FBI: Apple deve aiutare ad hackare l'iPhone

23 Febbraio 2016 651

In una recente intervista rilasciata al Financial Times, Bill Gates dice la sua sulla "backdoor-gate" che da alcuni giorni sta coinvolgendo Apple e l'FBI. L'agenzia governativa americana ha ordinato ad Apple di collaborare nell'hack di un iPhone appartenuto ad uno dei terroristi dell'attentato a San Bernardino, ricevendo un aperto rifiuto da parte di Tim Cook. Le principali motivazioni presentate dal CEO, sono in primis la necessità di installare pericolose backdoor nei dispositivi iOS ed il rischio che questa vicenda possa creare un pericoloso precedente per successive richieste da parte dell'FBI.

Molte aziende della Silicon Valley, come Facebook, Twitter, Google e Microsoft, hanno mostrato supporto alla battaglia portata avanti da Tim Cook, ma c'è una voce fuori dal coro, Bill Gates, attualmente consulente tecnico in Microsoft, che pare essere di un altro avviso.

Nessuno qui sta parlando di backdoor! Qui si tratta di un caso specifico nel quale il governo ha chiesto di accedere ad alcune informazioni. Non stanno chiedendo qualcosa di generale, stanno chiedendo qualcosa di specifico. [...] Apple ha accesso a questo informazioni, stanno solo rifiutando di fornirle. [...] È come chiedersi se sia lecito richiedere ad un operatore telefonico o ad una banca alcune informazioni. È come se una banca metta un nastro attorno ad un hard disk e dica 'Non me lo fate tagliare perché poi mi farete tagliare anche quelli di tanti altri'.

La visione di Bill Gates non si distanzia molto dalle parole diffuse dal direttore dell'FBI James Comey:

Vogliamo semplicemente la possibilità, con apposito mandato, di indovinare il codice d'accesso di un telefono di un terrorista senza che il telefono autodistrugga il suo contenuto e senza impiegarci decenni. Non vogliamo rompere nessuna cifratura o far circolare una master key.

A confermare che Apple abbia accesso effettivamente alle informazioni contenute nell'iPhone è stata la stessa azienda californiana: gli ingegneri di Cupertino sarebbero in grado di recuperare i dati di backup caricati dal telefono su iCloud. Purtroppo però l'FBI ha effettuato il reset della password dell'account iCloud dell'attentatore per accedere direttamente ai dati iCloud.

Il reset è stato possibile grazie all'aiuto del San Bernardino County Department of Public Health, l'ente pubblico per cui lavorava l'attentatore , che probabilmente possedeva le credenziali d'accesso ad una sua email connessa al telefono aziendale. L'operazione di ripristino ha reso impossibile un escamotage tecnico che avrebbe permesso l'accesso ai contenuti dell'iPhone non ancora caricati sulla nuvola: sarebbe bastato posizionare l'iPhone sotto la copertura di una rete Wi-Fi memorizzata e avviare così il backup automatico dei dati.

Top gamma Sony al gusto prezzo? Sony Xperia Z5 è in offerta oggi su a 410 euro oppure da ePRICE a 530 euro.

651

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Kevin

Mi pare evidente che sia una trovata pubblicitaria, che non vengono a dirmi che quelli che intercettavano le chiamate di diversi ministri/presidenti europei non riescano ad accedere ai dati di uno smartphone.

Luca Serri

Certo. Ma quale sarebbe il nesso tra due cose diversissime come il jailbreak e una backdoor?

Ciccio

ma che dici, hai mai fatto un jailbreak

Luca Serri

Come non è Apple ad essere processata? Allora il giudice contro chi ha sentenziato?

Daniele

Mica la sentenza del processo....mica e' apple ad essere processata.

Cmq a me questa storia fa ridere. Il 99% di chi ha commentato inneggia alla protezione della privacy....brava apple....cattivoni fbi e tribunali...mentre postano su fb quante volte vanno di corpo in un giorno, si scattano selfie del proprio cul0 e li mettono si Instagram, scrivono su g+ cosa stanno mangiando e twittano sulla loro ultima prestazione sensuale.

Ma attenzione...la privacy prima di tutto

Luca Serri

Inizialmente l'FBI ha chiesto quello. La sentenza è arrivata ufficialmente? Mi sembrava che fosse decisa per il 26.

Daniele

Ti sfugge un dettaglio. Non e' l'FBI che ha chiesto...e' un giudice che ha sentenziato. Quello che pensi tu, io o Apple e' totalmente ininfluente. Pericoloso o meno non e' Apple che lo decide...a meno che non ritieni che la parola di una multinazionale valga più di una intimazione di un tribunale. La questione è tutta qua, quello che pensa o ritiene Apple vale meno di zero.

Luca Serri

L'FBI ha chiesto una versione di iOS priva delle protezioni di sicurezza, cioè una backdoor. Questo sarebbe pericoloso, perchè creerebbe un precedente (e l'FBI è maestra nell'approfittarsene di ogni cosa) e nelle mani sbagliate permetterebbe di violare qualsiasi iPhone.

Daniele

Tralasciando il fatto che non hanno chiesto una backdoor ma un firmware con disabilitata la protezione contro i tentativi errati (evidentemente installabile anche con device bloccato visto che la stessa Apple ha detto che e' pericoloso e non infattibile...cosa molto diversa)...

Poi 'perché dovrebbero realizzare una backdoor'? Il fatto che l'autorità giudiziaria te lo ha imposto non basta? Oppure la decisione di una multinazionale conta più di quella di un giudice?

Cmq alla fine sono tutte parole: Apple collaborerà e in un modo o nell'altro fornirà quanto richiesto. Allo stato attuale sta facendo quello per cui è la numero uno al mondo: pubblicità e propaganda.

Fosse per avrei già bloccato le vendite di tutti i suoi dispositivi fino al l'ottemperanza della richiesta.

Luca Serri

Apple ha già fornito tutti i dati di cui è in possesso, e se quei geni non avessero resettato la password avrebbe potuto fornire anche quelli mancanti. Perchè dovrebbe realizzare una backdoor?

Daniele

E quindi? E' sbagliato?
State affermando che e' giusto che una multinazionale a cui interessa solo il profitto (tutto il resto e' solo propaganda) si rifiuti di ottemperare ad un ordine del potere giudiziario (fornisci i dati del telefono in questione che tu hai progettato e fabbricato...non mi frega niente come li ottieni ma tirati fuori). Ed Apple questo può farlo tranquillamente (visto che non afferma che sia impossibile, ma afferma che sia pericoloso per la propria immagine e per i propri utenti).

Lorenzo

1) non ho mac
2) se ti toccavo la mamma invece di insultare bill gates secondo me reagivi meglio

Ciccio

sciacquati la bocca....! basta itunes nel tuo mac per inviare informazioni a circa 50 indirizzi ip diversi

Stavus

L'hanno scritto così pure sull'articolo "Apple al lavoro su un iPhone a prova di hack governativo"

Luca Serri

Se cambi la password, anche rimettendo la vecchia va comunque reinserita. Almeno, mi sembra di ricordare così.
A me non risulta che Apple possa forzare un aggiornamento, ma non ne ho la certezza.

Stavus

Essendo apple proprietaria di icloud possono tranquillamente ripristinare la vecchia password utilizzata dal telefono per accedere e poi rimettere quella nuova o ti resettarla.
Per la seconda opzione è stato detto diverse volte da altri utenti che apple può volendo forzare un telefono a aggiornarsi, se questo fosse possibile potrebbero farlo, altrimenti è una delle tante boiate sparate nei commenti che pensavo fosse vera e quindi nulla

Ciccio

Cosa aspettarsi da chi vende informazioni altrui ;) ...io sto con Apple

Luca Serri

Peccato che non sia proprio possibile, visto che il telefono è bloccato e per piazzarci una qualsiasi modifica software vada sbloccato per l'aggiornamento.

Luca Serri

Hai un po' di confusione in testa.
- Apple ha già fornito all'FBI i dati iCloud, insieme agli altri dati in suo possesso.
- I dati che l'FBI vuole sono quelli contenuti nel telefono. Bastava collegare quest'ultimo a una rete wifi nota in modo che facesse un backup automatico e caricasse in iCloud quelli più recenti, ma quei geni hanno resettato la password e quindi non è più possibile.
- Come lo aggiorni quel telefono se è bloccato?

Luca Serri

A parte che creerebbe un precedente.
Come installeresti l'aggiornamento dato che l'iPhone è bloccato e va sbloccato per fare ciò che dici?

Luca Serri

Se devi accedere ai dati iCloud puoi farlo ugualmente sia ritrovando la password sia resettandola. Ma quei dati l'FBI li ha già perchè Apple poteva fornirli e li ha forniti. Il problema sono i dati sull'iPhone, che ora grazie a quei geni dell'FBI sono irrecuperabili.

Luca Serri

Guarda che Apple ha già fornito all'FBI i dati iCloud dell'ultimo backup. Prelevare i dati sul telefono non è fattibile perchè comunque dovrebbe aggiornarlo per installarci la backdoor, e per aggiornarlo bisogna sbloccarlo.

Luca Serri

Anche se la cosa fosse fattibile e rimanesse segreta, creerebbe un precedente.

Walter

Se posso resettarla dalla mail mail vuol dire che posso impostarne una nuova, e quindi accedere ai dati. Dove sbaglio?

Luca Serri

La differenza c'è. Perchè non ne vedi?

Walter

Non vedo la differenza.

Paolo__C

Cercare di far migrare a Telegram è una cosa penosa. Per colpa della cara stampa/tv (che ne ha fatto descrizioni distorta) viene considerata una app per chi deve nascondere qualcosa. Dall'amante al terrorismo poco conta, mi dicono tutti "io non ho niente da nascondere, e poi usano tutti whatsapp". Pecore...
Truecrypt? stessa cosa. Pecore II

Credo, purtroppo, che il pecorame consideri la crittografia come una cosa pro-criminal. Che poi non sappiano che ne fanno uso quando comprano online, beh questa è tutta un'altra cosa. Come dicevi giustamente tu, il percepire "informatica=mediaworld" è una triste realtà.

Andrej Peribar

Amaramente vero. :(

Paolo__C

Una definizione di italia più che perfetta

Simtopia23

Io sto con Vale.

Luca Serri

Ma non è nemmeno possibile: se ci pensi, per aggiornare quel telefono bisogna sbloccarlo. L'alternativa è una backdoor, che è fuori discussione.

Luca Serri

No. Analoga non significa identica, poi l'FBI se ne approfitterebbe e lo sfrutterebbe per i suoi comodi. Anche in questo caso do ragione a Apple, perchè ha fornito TUTTI i dati che aveva all'FBI, incluso il backup di iCloud. Mancavano solo quelli del telefono, che sono inaccessibili perchè criptati.

Alessandro

e capitasse una situazione analoga non sarebbe giusto che anche in quel caso che la Apple sbloccasse il telefono per fini investigativi ?

Daniele

E' esattamente quello che hanno chiesto ad Apple. Un ios adhoc per solo questo device che abbia disattivata la funzionalità di blocco dopo un tot di tentativi di sblocco errati...

La posizione di Apple e' esclusivamente una questione di marketing...null'altro.

Davide Dallara

eh già... public enemy no. 1

romeop

vuol dire che hai qualcosa da nascondere e come tale potresti essere un pericolo

romeop

Bill ha ragione, non si tratta di preparare un qualcosa di riutilizzabile ma solo di sbloccare UN telefono.

Se poi Apple non riesce a garantire che una cosa fatta da LORO in una LORO stanza non sia diffusa da gole profonde al loro interno questo è un altro problema, e secondo la mia opinione è IL problema per il quale non vogliono fare nulla

delpinsky

Certo che però quelli dell'FBI hanno fatto davvero una figura da principianti. I loro tecnici non sono esattamente dei geni dell'informatica a giudicare dalla superficialità del loro tentativo fallito di resettare la password. Teoricamente Bill Gates avrebbe ragione, però dovrebbe essere la Apple stessa a lavorarci su nei propri laboratori, in modo tale da non far trapelare nulla sul processo adottato. All'FBI poi verrà ridato un telefono senza alcuna traccia dell'intervento o al limite l'ultimo backup in cloud. Quel che è certo che è che non si possono permettere alla Apple di hackerare il loro OS, per poi trovare online poco dopo la soluzione su come hackerare iOS.

delpinsky

E infatti i telefoni nella lista di attesa sono parecchi... A questo punto, l'unico modo è aprire direttamente alla Apple un bel centro di recupero telefoni "caldi" (di narcotrafficanti, terroristi ecc ecc), cosicché qualsiasi tool in uso per crackare/bypassare le password, rimanga in casa. Ma siamo sicuri che poi i file di importanza nazionale, contenuti nel telefono, non siano stati ulteriormente criptati dal suo possessore?

Stavus

Se il problema fosse risolvibile con un backup sul cloud anche da telefono bloccato, basterebbe un ripristino della la password che il dispositivo usa per provare ad accedere al cloud ed il problema sarebbe risolto, alternativamente alla apple possono decidere per quali dispositivi rendere disponibile un aggiornamento software, quindi potrebbero rendere disponibile solo per quel telefono un aggiornamento con il bypass e il problema sarebbe risolto e la privacy degli altri non sarebbe a rischio

geepat

Bill Gates: "I sistemi operativi dei miei tempi si bucavano anche senza il mio aiuto... Bei tempi.."

Luca Serri

Significa che, se si presentasse nuovamente una situazione analoga, un giudice potrebbe obbligare Apple a comportarsi come ha fatto in precedenza.

Axynes

ma che vuol dire esattamente creare un precedente?

Rapid_Odeen

mai dire mai. potrebbero esserci tracce di qualsiasi cosa.

la fiducia che la gente ha negli strumenti tecnologici, di cui non conosce nulla, è altissima!

ViNicolosi

E allora se quello che dici secondo te è vero.
Che ci fai su internet? Perché Cook ancora si porta la testa se come dici tu questi dati lo hanno?
Cioè renditi conto che quello che dici potrà essere affascinante visto al cinema, ma nella realtà nessuno con un minimo di cervello si metterebbe a spiare miliardi di persone così random senza motivo, perché appunto è uno spreco enorme di tempo e risorse.

Luca Serri

Il discorso è lo stesso. L'utente medio quando crea un account preme sempre Avanti -> Avanti -> Avanti -> Avanti -> ... senza leggere nulla, quindi è ugualmente inconsapevole. E per la cronaca, anche Windows (come qualsiasi software) ha delle condizioni d'uso che spiegano dettagliatamente cosa possono fare entrambe le parti. Il problema è che praticamente nessuno le legge, vengono accettate implicitamente cliccando Avanti -> Avanti -> Avanti -> Avanti -> ... fino alla fine.

ale

Non credo che la maggior parte degli utenti lo sia... e questo non va bene... Google, Apple, ecc dicono chiaramente che informazioni personali dell'utente raccolgono e chiedono un consenso prima (ossia quando credi l'account)

Luca Serri

Che io sappia, usando la mail associata puoi solo resettare la password e non ottenere quella vecchia.

Walter

Ah, praticamente hanno tentato di craccarla, causando il reset automatico della password. Altra cosa che mi chiedo, ma non sarebbe possibile recuperare la PSW ICloud attraverso l'indirizzo mail?

Luca Serri

Apple ha fornito i dati iCloud provenienti dall'ultimo backup effettuato dal telefono, risalente a un paio di settimane prima del fatto. Per avere i nuovi sarebbe bastato portare l'iPhone sotto una rete wifi nota, in modo che il backup venisse fatto in automatico senza bisogno di sbloccarlo. Ma quei geni dell'FBI hanno resettato la password di iCloud, quindi non è più possibile.

Ufficiale: Apple ha venduto 1 miliardo di iPhone!

Q3 2016 di Apple, disponibili i risultati del terzo trimestre fiscale

Xiaomi Mi Band 2: come funziona con iOS | Video

Apple iOS 10 Beta: la nostra anteprima | Video